I poteri cautelari degli arbitri nella legge di delega n. 206/2021

Di Gabriella Tota - Fascicolo 2/2022

Tra i princìpi e criteri direttivi sanciti in materia di arbitrato dalla legge n. 206/2021 si segnala quello di cui all’art. 1, comma 15, lett. c), che conferisce agli arbitri il potere di emettere misure cautelari (a condizione che vi sia un accordo delle parti in tal senso), superando così il divieto contenuto nell’art. 818 c.p.c. L’Autore esamina la nuova disciplina dei poteri cautelari degli arbitri, esprimendo un giudizio complessivamente positivo sulla riforma, ma evidenziando anche una serie di criticità che dovranno essere risolte dal legislatore delegato in sede di attuazione della delega.

Among the guiding principles and criteria established for arbitration by Law no. 206/2021, one of the most important is that of Art. 1, paragraph 15, lett. c), which gives the arbitrators the power to grant interim measures (provided the parties agree), overcoming the prohibition provided for by Art. 818 of the Italian Civil Procedure Code. The Author examines the new discipline, expressing an overall positive opinion on the reform, but also highlighting a series of critical issues that must be resolved by the Italian government when implementing this Law.