LOGICA DEL GIUDIZIO DI FATTO, STANDARD DI PROVA E CONTROLLO IN CASSAZIONE

Di Roberto Poli -

1. Premessa.  2. La logica e la razionalità nel discorso del giudice sui fatti.  2.1. La logica come strumento di conoscenza del mondo.  2.2. La logica come elemento strutturale del discorso del giudice nella ricostruzione dei fatti.  2.3. La razionalità del discorso del giudice nella ricostruzione dei fatti.  2.4. La logica nel giudizio di certezza probabilistica sulla verità dei fatti. 3. Gli standard di prova.  3.1 Lo standard del “più probabile che non”. Critica. 3.2. Lo standard di prova fondato sul modello e sui requisiti di legittimità del ragionamento presuntivo ex art. 2729 c.c.  4. Il controllo del giudizio di fatto in sede di legittimità.  4.1. I vizi nell’esercizio del prudente apprezzamento. 4.2. Il controllo del giudizio di fatto prima e dopo la riforma del 2012.  4.3. Gli orientamenti della Suprema Corte che ammettono, anche dopo la riforma del 2012, il controllo di logicità del giudizio di fatto.  4.4. Controllo di logicità e riesame nel merito del giudizio di fatto.

Scarica l’articolo in pdf