LE S.U. RISOLVONO IL CONFLITTO TRA OPPOSIZIONE A SANZIONE AMMINISTRATIVA E OPPOSIZIONE ALL’ESECUZIONE IN CASO DI OMESSA (O TARDIVA/INVALIDA) NOTIFICA DEL VERBALE DI ACCERTAMENTO

Di Francesca Locatelli -

Cass. 22 settembre 2017, n. 22082

È stata finalmente pronunciata l’attesa decisione delle Sezioni Unite a seguito dell’ordinanza di rimessione con ordinanza n. 21957 del 28 ottobre 2016 (su cui v. Tiscini, Questioni controverse in tema di opposizione a ordinanza-ingiunzione e nomofilachia, in Judicium, n. 2-2017, a cui per brevità si rimanda anche per la sintesi dei due orientamenti che si sono fronteggiati), che aveva deferito al Supremo Collegio nella sua composizione plenaria la risoluzione del contrasto insorto tra la Seconda e la Terza Sezione sul rimedio esperibile in caso di opposizione a sanzione amministrativa per l’ipotesi di omessa notificazione del verbale di accertamento a seguito di infrazione del Codice della Strada, di cui l’opponente aveva avuto contezza per la prima volta solo in occasione della notifica della cartella esattoriale.

La decisione in commento trae origine da una sanzione di modesta entità, ma la S.C. ritiene di doversi pronunciare nell’esercizio della propria funzione nomofilattica, con una chiara finalità deflativa del contenzioso, su un profilo controverso oramai dai diverso tempo e lo fa enunciando che il rimedio esperibile in questi casi non è l’opposizione all’esecuzione ai sensi dell’art. 615 c.p.c., bensì quella ai sensi degli artt. 23 ss. L. 689/1981, ora art. 7 d. lgs. 150/2011 a seguito della c.d. semplificazione dei riti.

La S.C., in questa corposa pronuncia, coglie l’occasione per fare il punto sull’oggetto delle due opposizioni, oltre ad approfondire anche alcuni altri importanti corollari.

Il punto di partenza del ragionamento è che, ai sensi del CdS, il verbale di accertamento è atto impositivo che già di per sé legittima l’ente impositore a procedere all’iscrizione a ruolo anche in pendenza di opposizione, la quale invero non impedisce che questo acquisti efficacia esecutiva (con una modalità, quindi, semplificata rispetto alla più generale ordinanza-ingiunzione).

In tale contesto, la notificazione del verbale di accertamento, ex art. 201, co. 5, CdS, rileva sul piano sostanziale, nel senso che se essa manca ciò integra un fatto estintivo del diritto di credito scaturente dalla sanzione amministrativa, non costituendo però tale adempimento un presupposto di esistenza del titolo esecutivo, il quale, in caso di omessa – o tardiva o invalida –  notifica del verbale di accertamento, è viziato formalmente, ma non inesistente.

Per tale motivo, il rimedio generale di cui all’art. 615 c.p.c. (che si giovava, prima della novella del 2016, del fatto di  non avere termine) non è esperibile in tale ipotesi, in quanto con esso possono essere fatti valere solo i fatti impeditivi o estintivi del credito sopravvenuti alla formazione del titolo esecutivo.

La notificazione del verbale di accertamento, invece, viene a qualificarsi come elemento costitutivo della fattispecie sanzionatoria e la sua mancanza, per tale motivo, si atteggia in modo diverso rispetto ad altri fatti estintivi dell’obbligazione di diritto comune, come la prescrizione, la morte dell’obbligato o il pagamento. In tale ipotesi, infatti, il fatto estintivo non è successivo né al sorgere della pretesa sanzionatoria della p.a., né alla formazione del titolo esecutivo.

Molto opportunamente, le S.U. hanno chiarito che l’onere della prova dell’avvenuta notificazione incombe, per vicinanza della prova e perché l’omessa notifica è un fatto negativo, sull’ente impositore, enunciando anche che, in generale, il sistema delineato dal CdS per le sanzioni amministrative ed i rimedi previsti  – prima dalla l. 689/91 ed ora dal d.lgs. 150/201 – per contestarle, segue uno schema che riprende il modello dell’accertamento tributario: il legislatore, nel regolare in tal modo peculiare la formazione del titolo esecutivo stragiudiziale, ha così voluto porre l’ente impositore in una posizione privilegiata.

Il diritto di difesa del soggetto sanzionato è in ogni caso garantito dal rimedio speciale ex art. 22 ss. L. 689/81 – ora ex art. 7 d. lgs. 150/2011 -, che deve essere esperito entro 30 gg. dalla notifica della cartella di pagamento, in applicazione della regola secondo la quale la decadenza non può operare che dal momento in cui si ha conoscenza dell’atto da impugnare. L’opposizione tipica, come rimarcato dalle S.U., non ha infatti per oggetto solo il merito della sanzione, ma anche il procedimento di formazione del titolo che, una volta divenuto definitivo, consente la riscossione esattoriale e, dunque, certamente può e deve essere fatto valere per contestare l’omessa o invalida notifica del verbale di accertamento.

Ove però l’amministrazione provi di aver ottemperato validamente alla notificazione, l’opposizione speciale dovrà necessariamente essere dichiarata inammissibile: ed invero, in quel caso, ogni doglianza avrebbe dovuto essere stata svolta nel termine di trenta giorni decorrenti da quella notificazione, tertium non datur.

Scarica il commento in pdf