L’abuso del processo come interesse specifico a proporre un’azione risarcitoria autonoma da condotta processuale scorretta

La proposizione di un’autonoma azione risarcitoria volta a sanzionare il comportamento processuale scorretto di una delle parti può giustificarsi qualora si alleghi che tale scelta sia dipesa da un interesse specifico, il quale può consistere anche nell’indicare l’esistenza di una strategia emulativa che leghi una pluralità di cause consentendone una lettura coordinata in termini di abuso del processo e che valorizzi il complessivo comportamento processuale ostativo come causa di danno.

Di Arianna Di Bernardo -

Cass. 19 luglio 2018, n. 19179

Con l’ordinanza segnalata la Corte di cassazione affronta la questione se, in caso di plurime condotte che si traducano nell’agire o resistere in più di un giudizio nei confronti di una medesima persona, assumendo linee difensive inutilmente defatigatorie, o tenendo una condotta processuale ingiuriosa, sia ammissibile, ed entro quali limiti, la proposizione di un’azione generale di responsabilità civile nei confronti del danneggiante, ai sensi dell’art. 2043 c.c.; ovvero se tale comportamento processuale scorretto possa essere fatto valere solo all’interno dei singoli giudizi, proponendo la domanda di condanna per responsabilità processuale aggravata, ex art. 96 c.p.c. e, quanto alle espressioni ingiuriose, chiedendo la condanna del responsabile alla cancellazione delle stesse, ai sensi dell’art. 89 c.p.c.

Per la Corte contegni processuali siffatti potrebbero –in linea di principio- giustificare la proposizione di un’azione risarcitoria scissa dai singoli giudizi e che a essi faccia riferimento quali elementi della fattispecie, qualora si assuma l’esistenza di un vero e proprio abuso del processo.

Il dictum riflette l’attuale sensibilità verso l’idea, sottesa al principio di proporzionalità, per cui la tutela dei diritti va commisurata alle risorse disponibili, e aggiunge un ulteriore tassello al dibattito fiorito intorno alla figura (suggestiva, quanto evanescente) dell’abuso del processo.

D’altro canto, il fondamento della previsione normativa di cui ai primi due commi dell’art. 96 (i quali impongono, di regola, la proposizione dell’azione per responsabilità processuale all’interno dello stesso giudizio in cui si è verificato l’abuso) è individuato dalla più recente ricostruzione di legittimità non tanto nella competenza funzionale del giudice adito, ovvero in una presunta migliore qualità della decisione, quanto piuttosto in ragioni di economia processuale, basate sul principio costituzionale del giusto processo, le quali suggeriscono lo sfruttamento intensivo delle risorse impiegate in un giudizio già pendente: ciò induce a rivisitare, almeno in parte, il concetto di accessorietà dell’azione per lite temeraria, sia pure nei limiti del massimo risparmio possibile di risorse strutturali.

Ebbene, secondo un orientamento abbastanza consolidato, i principi generali della responsabilità aquiliana non sono invocabili, in via autonoma e concorrente, con riguardo alla speciale ipotesi di responsabilità da fatto illecito che si verifica nel processo (del resto, i presupposti applicativi dell’art. 2043 c.c., che colpisce in generale qualsiasi illecito commesso da un danneggiante che versi in stato di dolo o colpa, non coincidono con quelli dell’art. 96 c.p.c., che invece si limita a sanzionare il solo illecito posto in essere dal soccombente con mala fede o colpa grave). Sotto altro profilo, l’eventuale richiamo, ai fini dell’applicazione dell’art. 96, alla categoria pretoria dell’abuso del processo deve intendersi come riferito esclusivamente all’idea di un giudizio connesso al consapevole e intenzionale esercizio di un’azione infondata.

Tale lettura tradizionale è stata, peraltro, progressivamente erosa dall’interno a opera di successivi arresti della stessa Corte di cassazione, la quale ha riconosciuto un eccezionale potere della parte di proporre l’istanza al di fuori del processo in cui si colloca l’abuso, dapprima nei soli casi in cui il suo esercizio è stato impedito da ragioni attinenti alla stessa struttura di quel giudizio e indipendenti dall’inerzia della parte; e, più di recente, anche quando «il danneggiato alleghi e provi che tale scelta sia dipesa […] da un interesse specifico a non proporre la relativa domanda nello stesso giudizio che ha dato origine all’altrui responsabilità aggravata, interesse che deve essere valutato nel caso concreto per accertarne l’effettiva esistenza ed escludere che sia illegittimo o abusante» (Cass. sez. 3, 31 ottobre 2017 n. 25862, che ha esteso tale principio anche alla fattispecie relativa alla mera quantificazione dei danni in conseguenza della proposizione di domanda di condanna generica nel giudizio in cui si è originato l’abuso).

L’ordinanza in commento, nel riaffermare –ai fini dell’eccezionale proponibilità in altra sede di una domanda ontologicamente connessa- il passaggio dal concetto di inerzia al concetto di scelta per i propri interessi, puntualizza altresì che questi ultimi possono consistere anche nel valorizzare il complessivo comportamento processuale ostativo in termini di abuso del processo. Ciò non ha condotto, tuttavia, all’accoglimento del ricorso.

E invero la sentenza impugnata aveva ammesso, in astratto, l’autonoma proponibilità di una domanda risarcitoria fondata sulla malafede processuale; aveva però negato –con giudizio in fatto, insindacabile in sede di legittimità- che il fatto costitutivo della responsabilità processuale, allegato nella domanda originariamente proposta e consistente esclusivamente nella violazione del dovere di lealtà processuale a opera della controparte (violazione che si è tradotta nella proposizione di azioni emulative), raggiungesse la soglia dell’interesse apprezzabile. Ciò in quanto nel caso di specie l’accertamento che il giudice è stato chiamato a compiere non aveva ad oggetto un fatto diverso da quello dei giudizi a quo, nei quali soltanto l’abusività della condotta avversaria avrebbe potuto quindi essere azionata, ai sensi dell’art. 96 c.p.c. Tanto più se si considera che –venendo in rilievo un’ipotesi di resistenza in giudizio e non, a rigore, di azione emulativa in senso stretto- la garanzia del diritto di difesa a fronte dell’azione ex adverso proposta rende ancora più stringenti i confini della risarcibilità.

Per la Corte, in effetti, solo dalla formulazione del ricorso per cassazione «emerge una lettura complessiva dei singoli comportamenti processuali che trascende i singoli giudizi e si pone come unitaria strategia processuale volta a produrre un effetto meramente emulativo sulla ricorrente e ad agire come moltiplicatore del disagio connesso alla necessità di agire in giudizio a tutela dei propri diritti fino ad essere causa unitaria del sorgere di un vero danno biologico».

Ne deriva che chi intenda con successo proporre l’azione di risarcimento danni in un giudizio separato deve allegare e provare che l’altrui atteggiamento ostativo non rientra nelle ipotesi di responsabilità aggravata immediatamente conseguenti all’instaurazione del giudizio (per le quali il principio di specialità esclude un concorso alternativo tra le norme di cui agli artt. 96 c.p.c. e 2043 c.c.), ma si colloca piuttosto nel quadro di una complessiva strategia processuale emulativa, qualificabile come abuso del processo e idonea a originare un’autonoma e unitaria fattispecie di danno.

Scarica il commento in pdf