La Suprema Corte interviene sui rapporti tra sanatoria della procura ad litem invalida e principio della conversione delle nullità in motivi di impugnazione

Di Andrea Mengali -

La Corte di Cassazione, in una controversia avente ad oggetto, nel merito, il diritto al pagamento di accessori ed interessi per prestazioni erogate in ritardo da parte dell’INPS, interviene con una pronuncia che chiarisce i limiti della sanatoria della procura del difensore ai sensi dell’art. 182 c.p.c.

Pur decidendo in un caso in cui, ratione temporis, è esclusa l’applicazione dell’art. 182 c.p.c. come novellato dalla L. 69/09, la Suprema Corte esprime un principio valido anche con riferimento alla norma vigente, ossia “ove […] il giudizio di merito abbia avuto ad oggetto unicamente l’accertamento della nullità della procura alle liti rilasciata all’avvocato, e la parte soccombente non abbia devoluto al giudizio d’appello, formulando specifico motivo, la violazione dell’obbligo del giudice di primo grado di consentire la regolarizzazione della procura invalida (ai sensi dell’art. 182 c.p.c., comma 2), deve escludersi che la medesima parte possa invocare, in […] sede di legittimità e quale vizio della sentenza d’appello, la violazione di tale articolo in virtù del principio contenuto nell’art. 161 c.p.c., comma 1, secondo il quale la nullità della sentenza si converte necessariamente in motivi impugnazione”.

Come noto l’art. 182, comma 2, come modificato dall’art. 46, comma 2, L. 69/09, prevede che “quando rileva un difetto di rappresentanza, di assistenza o di autorizzazione ovvero un vizio che determina la nullità della procura al difensore, il giudice assegna alle parti un termine perentorio per la costituzione della persona alla quale spetta la rappresentanza o l’assistenza, per il rilascio delle necessarie autorizzazioni, ovvero per il rilascio della procura alle liti o per la rinnovazione della stessa. L’osservanza del termine sana i vizi, e gli effetti sostanziali e processuali della domanda si producono fin dal momento della prima notificazione”.

Come rilevato correttamente dalla Suprema Corte con la citata pronuncia, quindi, “la regola introdotta dalla L. n. 69 del 2009, art. 46, comma 2 non costituisce uno strumento […] idoneo a scardinare il sistema processuale imponendo ingiustificabili regressioni nello sviluppo della dinamica del processo, ma, al contrario, essa impone una positiva collaborazione fra i soggetti del processo stesso in un’ottica antiformalistica”, quindi consente sì una sanatoria dell’atto, ma secondo le regole stabilite dalla stessa disposizione, imponendo al giudice, che rilevi il vizio di rappresentanza tecnica, di concedere il relativo termine perentorio.

Laddove il giudice rilevi il difetto ma non provveda secondo quanto stabilito dall’art. 182, la pronuncia che sancisca la nullità della procura sarà viziata e si imporrà quindi il coordinamento di tale disposizione con quelle che regolano i rapporti tra i diversi gradi di giudizio, tra cui l’art. 161 c.p.c., che impone di far valere come motivo di impugnazione le nullità della sentenza.

Pertanto, laddove in primo grado si sia discusso della nullità della procura ad litem ed il giudice abbia chiuso in rito il processo per difetto di rappresentanza tecnica dovuta all’invalidità del mandato al difensore, senza, erroneamente, fare applicazione dell’art. 182, comma 2, ovvero senza consentirne la sanatoria, sarà onere della parte soccombente impugnare la pronuncia per violazione della predetta disposizione. In difetto, non sarà consentito sanare il difetto di rappresentanza limitandosi a produrre, nei gradi successivi, una procura ad litem valida, atto che peraltro nel caso sarebbe compiuto al di fuori dello schema di cui al citato art. 182, comma 2, c.p.c., cioè in difetto dell’ordine giudiziale di rinnovazione dell’atto invalido. A tale ultimo proposito la citata pronuncia richiama il consolidato orientamento in base al quale “il principio secondo cui gli atti posti in essere da soggetto privo, anche parzialmente, del potere di rappresentanza possono essere ratificati con efficacia retroattiva (salvi i diritti dei terzi) non opera nel campo processuale, ove la procura alle liti costituisce il presupposto della valida instaurazione del rapporto processuale e può essere conferita con effetti retroattivi solo nei limiti stabiliti dall’art. 125 cod. proc. civ., il quale dispone che la procura al difensore può essere rilasciata in data posteriore alla notificazione dell’atto, purché anteriormente alla costituzione della parte rappresentata” (cfr., citata dalla sentenza in commento, Cass. civ. Sez. II, 11-06-2012, n. 9464).

Scarica commento in pdf