LA CORTE DI GIUSTIZIA SULLA NATURA TRANSFRONTALIERA DELLA LITE NEL REGOLAMENTO SMALL CLAIMS 861/2007

Di Marco Farina -

 Corte di Giustizia, 22 novembre 2018 Causa C-627/17

L’articolo 3, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 861/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 luglio 2007, che istituisce un procedimento europeo per le controversie di modesta entità, come modificato dal regolamento (UE) n. 517/2013 del Consiglio, del 13 maggio 2013, deve essere interpretato nel senso che la nozione di «parti» copre solo l’attore e il convenuto nel procedimento principale.

L’articolo 2, paragrafo 1, e l’articolo 3, paragrafo 1, del regolamento n. 861/2007, come modificato dal regolamento n. 517/2013, devono essere interpretati nel senso che una controversia come quella di cui al procedimento principale, nella quale l’attore e il convenuto hanno il loro domicilio o la loro residenza abituale nello stesso Stato membro del giudice adito, non rientra nel campo di applicazione di tale regolamento.

 Con sentenza del 22 novembre 2018, pronunciata nella causa C-627/17, la Corte di Giustizia ha risolto in via pregiudiziale due questioni interpretative sorte dinanzi ad un giudice slovacco, relative all’ambito oggettivo di applicazione del Reg. CE n. 861/2007 che ha istituito un procedimento europeo uniforme per le controversie di modesta entità (c.d. procedimento small claims).

Tale regolamento – come gli altri regolamenti processuali che hanno istituito procedimenti europei uniformi (Reg. 1896/2006 che ha istituito un procedimento europeo di ingiunzione di pagamento; Reg. 655/2014 che ha istituito un’ordinanza europea di sequestro conservativo su conti bancari) – è destinato ad applicarsi, in materia civile e commerciale (con esclusione delle materia elencate nel paragrafo 2 dell’articolo 2) e nei casi in cui il valore della lite non ecceda Euro 5.000,00 (e ciò a seguito della modifica introdotta con Regolamento 2421/2015, entrato in vigore il 14 luglio 2017, che ha innalzato tale soglia di valore precedentemente fissata ad Euro 2.000,00), alle sole controversie transfrontaliere per tali intendendosi, secondo quanto previsto dall’articolo 3, quelle controversie “in cui almeno una delle parti ha domicilio o residenza abituale in uno Stato membro diverso da quello dell’organo giurisdizionale adito”.

Nel caso di specie il dubbio circa l’inapplicabilità del regolamento per difetto del requisito della natura transfrontaliera della lite si era posto in quanto nel giudizio a quo la domanda era stata proposta da due attori, di cui uno domiciliato nella Repubblica Slovacca ed uno nella Repubblica Ceca, nei confronti di un convenuto domiciliato nella Repubblica Slovacca.

Al momento della proposizione della domanda innanzi al giudice slovacco – formulata utilizzata il formulario standardche si trova allegato al Reg. 961/2007 – era stato indicato che il titolare del credito era la società avente sede nel territorio dello stato membro, mentre l’altra società pur indicata come attrice ed avente sede nella Repubblica Ceca era, in sostanza, la mandataria della prima.

A fronte di tale situazione, il giudice slovacco chiedeva alle due società di chiarire l’esatta posizione delle parti atteso che, seppure indicate come due parti attrici, in realtà nel formulario veniva richiesta la condanna del convenuto a pagare solo una di esse (ossia, la società slovacca titolare del credito). Le due società, dunque, chiarivano che attrice era solo la società slovacca titolare del credito ed in cui favore era stata richiesta la condanna al pagamento dell’importo di Euro 423,74, mentre l’altra società mandataria era da considerarsi alla stregua di una “interveniente”.

Poiché, dunque, la natura transfrontaliera della controversia poteva dirsi ricorrere nel caso di specie solo qualora si fosse potuto dare rilievo alla posizione processuale della mandataria interveniente – unico soggetto, invero, ad avere domicilio in uno stato membro diverso da quello del giudice adito – il giudice slovacco si determinava ad investire la Corte di Giustizia rivolgendole i due seguenti quesiti interpretativi: 1) se la nozione di “una delle parti” di cui all’articolo 3, paragrafo 1, del reg. 861/2007 debba essere interpretata nel senso che essa comprende anche l’“interveniente”, ovvero un soggetto partecipante al procedimento che non sia né l’attore né il convenuto (resistente), ma che si costituisca nel procedimento per sostenere le ragioni dell’attore o del convenuto, 2) per l’ipotesi che l’“interveniente” non debba essere considerato “parte”, se rientri nell’ambito di applicazione del reg. 861/2007, ai sensi del combinato disposto dei suoi articoli 2, paragrafo 1, e 3, paragrafo 1, un procedimento avviato tra l’attore  e il convenuto, qualora costoro abbiano domicilio nello stesso Stato membro in cui ha sede l’organo giurisdizionale adito e unicamente l’“interveniente” abbia domicilio in uno Stato membro diverso.

Destinata ad essere agevolmente e seccamente risolta in senso negativo la seconda questione – attesa la chiarezza dell’enunciato normativo che campeggia nell’art. 3 del Reg. 861/2007 quanto alla definizione di controversia transfrontaliera – qualche maggiore ragione di indugio si giustificava per la soluzione della prima questione.

E con riferimento ad essa la Corte di Giustizia ha infine rilevato che l’articolo 3, paragrafo 1, del regolamento n. 861/2007 dev’essere interpretato nel senso che la nozione di «parti» copre solo l’attore ricorrente e il convenuto nel procedimento principale, non potendosi quindi dare rilievo alla figura del terzo che svolga intervento.

La conclusione, soprattutto al lume della motivazione che la giustifica, necessita a nostro avviso di essere meglio chiarita e precisata.

In primo luogo appare opportuno osservare che, nel caso di specie, poteva fondatamente dubitarsi della possibilità di riconoscere natura transfrontaliera alla controversia attribuendo rilievo alla posizione della società mandataria avente sede nella Repubblica Ceca; ben difficilmente, in effetti, si poteva riconoscere in capo a detta società –  alla quale era stato invero attribuito un mero ruolo di mandataria e, dunque, al massimo di rappresentante (sostanziale e processuale) della vera ed unica titolare del credito – un’autonoma posizione processuale nel ruolo di attore (in via di litisconsorzio attivo originario) o di terzo interveniente. Nel caso di rappresentanza processuale, non sembra invero dubbio dover riconoscere la qualità di parte rilevante ai fini dell’articolo 3 esclusivamente al rappresentato quale parte sostanziale e titolare del diritto di credito fatto valere.

Detto questo, deve anche rilevarsi che, a nostro avviso, l’impossibilità di attribuire rilievo alla posizione del terzo che svolga un (vero) intervento (ancorché meramente adesivo-dipendente) ai fini del rispetto del requisito di cui all’art. 3 è venuta a giustificarsi, nella decisione della Corte, sulla base di una argomentazione probabilmente non necessaria.

Ritiene infatti la Corte che a tale conclusione debba giungersi perché, in realtà, il reg. 861/2007 non prevede alcuna possibilità di intervento dei terzi, sicché ad essi, per definizione, non potrebbe attribuirsi alcun rilievo in ordine al requisito di cui all’art. 3. Come dicevamo, si tratta a nostro avviso di argomentazione eccedente lo scopo, in quanto si sarebbe potuti addivenire ad eguale conclusione semplicemente rilevando che il coinvolgimento (successivo, v. infra) spontaneo o forzato di un terzo nel processo non potrebbe mai rilevare al fine di attribuire natura transfrontaliera ad una lite che ne sia originariamente priva, atteso che tale controllo – per espressa previsione contenuta nel paragrafo 3 dell’articolo 3 – deve essere effettuato con riferimento alla data in cui l’organo giurisdizionale adito riceve il modulo di domanda. Con ciò mettendosi fuori gioco successivi, appunto, accessi di terzi con effetti su di una (sopravvenuta) natura transfrontaliera della controversia.

A nostro modo di vedere, insomma, un conto è negare (probabilmente a ragione) che l’intervento di terzi possa rilevare ai fini del rispetto del requisito di cui all’articolo 3, altra e diversa cosa è ingiustificatamente negare in assoluto la possibilità che nel procedimento uniforme small claims possa darsi l’ipotesi – regolata dai singoli diritti processuali, in considerazione del rinvio effettuato ad essi dall’articolo 19 –  dell’intervento volontario o coatto di un terzo (così, tra l’altro, ulteriormente affossando le possibilità di successo di questo strumento processuale assai scarsamente utilizzato soprattutto, ma non solo, in Italia).

Da ultimo è anche il caso di osservare che, assai verosimilmente, a conclusioni diverse dovrebbe comunque giungersi allorché si abbia a che fare – come certamente possibile – con casi di pluralità di parti originata da ipotesi di litisconsorzio originario, attivo o passivo. In ipotesi di tale genere, non crediamo possa escludersi la natura transfrontaliera della controversia allorché, ad esempio, dall’attore domiciliato in Italia siano convenuti in giudizio innanzi al giudice italiano due debitori tenuti in solido, di cui uno domiciliato in Italia e l’altro in un diverso Stato membro. Così come deve dirsi certamente sussistente il requisito di cui all’art. 3, allorché ad agire innanzi al giudice italiano siano due attori – di cui uno domiciliato in Italia e l’altro in un diverso stato membro – contro un convenuto anch’egli domiciliato in Italia.

Scarica il commento in pdf