Je ne connais pas le droit civil : je n’enseigne que le Code Napoléon. La governance e i giurisperiti locali.

Spielraum

Di Bruno Sassani -

A proposito del ricorrente (e, per ora, sventato) tentativo di introdurre quale modello di default il c.d. sommario di cognizione, ed alla sonora reazione della cerchia dei processualcivilisti, ha ragione Remo Caponi (nella sua epistola a  Giorgio Costantino, primus inter pares in questa reazione) quando scrive che “gli strumenti di governance globale (o regionale in questo caso) sono il fattore propulsore delle riforme in materia processuale degli ultimi 10-15 anni (non solo in Italia), mentre le opinioni dei giurisperiti locali sono, dal punto di vista di questi strumenti, parte del problema, non della soluzione”.

Proprio così. I cosiddetti giurisperiti non ci stanno e intralciano i lavori, la loro cultura li spinge altrove e non sanno convincersi che, agli occhi della governance, tempi e costumi impongono metodi drastici. In un certo senso sono l’antistoria mentre majora premunt.

Dal loro punto di vista i giurisperiti hanno forti ragioni, ragioni però che di fronte alla renitenza del legislatore (regionale dice giustamente R. C. e quindi condizionato da obbligazioni metaregionali), valgono quel che valgono. Poco, anzi niente se la legge stabilirà nell’art. 702-bis c.p.c. il modello della cognizione del processo civile: quel che conta è che i processi si chiudano in tempi decisamente più brevi degli attuali, dando per scontato che la presente “ingabbiatura” della procedura è fattore primario dell’allungamento.

I giurisperiti sono però innanzitutto “giuristi postivi” (in genere ne vanno fieri) e la formula di Bugnet/Demolombe (“insegno solo il codice”) rappresenta il postulato del giurista positivo, la sua fedeltà all’assioma del diritto dato. è vero che all’interno di questo si esercita l’arte dell’interpretazione, si sviluppano assiologicamente i dati, si riempiono di contenuto i vuoti, si crea diritto insomma, ma alla fine tutto questo avviene sempre in nome della legge e sempre all’interno di strutture cogenti date dalla legge. Se il primo dovere del giurista positivo è quello di conformarsi alla legge e se la legge diventa “il sommario”, egli si conformerà al sommario, anche rimpiangendo il diverso sistema del processo ordinario di cognizione.

Tanto più che, se si esce dalla rappresentazione un po’ autoreferenziale della categoria dei processualisti per avvicinarsi alla realtà, c’è ben poco da rimpiangere. Il paesaggio emergente dalla combinazione dell’intelaiatura originaria del codice e del vento che dal 1990 continua a rimodellarlo, è un edificio labirintico e improduttivo che ospita macchinari che poco funzionano e pochissimo soddisfano chi li sperimenta.

Certo il legislatore non vede che il problema della lunghezza del processo non è (quasi) mai un problema di rito come provano tutti i processi (vedi l’appello) in cui anche non facendo nulla si attendono anni in fila. Non comprende che i fatali colli di bottiglia, dove il passo rallenta fino ad annullarsi, si annidano dovunque, incuranti delle tecniche di trattazione delle cause, e si illude che il rito deformalizzato li mandi una volta per tutte in frantumi. Deformalizzato non vuol dire necessariamente breve, a meno di non intenderlo come sinonimo di decisione fondata solo sul fumus.

Questo è un problema serio ed è certamente temuto. Al di là dei proclami, però, due cose angustiano i giurisperiti. La prima – ed è la preoccupazione ufficiale – è la perdita del sistema delle garanzie espresse dalla formalizzazione della procedura. La seconda (più in ombra) è la distruzione del lavorio concettuale che sottostà all’impalcatura rigida della procedura.

Quanto alla prima, però, che si rischia di perdere? Regole e forme certo, ma si perdono anche elementi di giusto processo? Se così fosse ci si dovrebbe stracciare le vesti e si dovrebbero fare le barricate, ma chi può dire l’art. 702-bis sia un attentato a difesa, contraddittorio, parità delle armi, imparzialità ecc.? Forse che la sua generalizzazione operata dal d. lgs. n. 150/2011 ha il crisma del processo ingiusto?

La verità è che la procedura dell’art. 702-bis nella sua elementarità incarna il modello concettuale “giusto processo”, e che questo modello è diventato l’unico comprensibile ed esportabile al di fuori della cerchia degli iniziati. L’unico ponte, l’unica moneta di scambio tra i giurisperiti ed il potere legislativo, l’unica garanzia accettata dalla governance. Il modulo è talmente potente da mettere in ombra la teoria delle scuole e la fenomenologia delle prassi consolidata dalla lunga storia del processo. Ha il pregio di ridurre al minimo gli elementi e di fondarsi su rules of exclusion (tutto si equivale, purché non si escludano o comprimano troppo le garanzie fondamentali).

E qui viene il secondo punto dolente della reazione. I giurisperiti hanno bisogno di sovrastrutture per giustificare se stessi e la loro posizione. Fingono di ignorare che il loro destino è ineluttabilmente “due parole del legislatore, intere biblioteche in fumo”. è il paradosso del giurista positivo che – lo voglia o meno – è sempre servo del principe, dove servo sta (ovviamente) per minister (Minister nobilis, Servus Principis). Ne fa fede l’acribia con cui ci siamo messi tutti a chiosare e ridurre a ragione e sistema il torrente di regole che ci ha inondato negli ultimi decenni. Il legislatore mostra negligenza, ignoranza, superficialità, indifferenza per le esigenze della coerenza. Eppure la parola spetta ad esso in nome dell’assioma fondativo dello Stato di diritto: il diritto dei cultori della “scienza” e della coerenza viene dopo.

Lo scivolamento verso la “settecentoduebissazione” del processo è – in prospettiva – inevitabile. Intendiamoci: non sarà un miglioramento qualitativo (come non lo è l’espansione dell’ambito di giurisdizione del giudice di pace, e come non lo è stato il giudice unico monocratico con l’abrogazione della pretura ecc.) ma non si può ignorare che sia questa la tendenza vincente, e pensare invece che sia solo il “politico” di turno a provarci. La verità è che la disfatta della giustizia è l’unico dato tangibile, è l’unica realtà visibile alla governance che riflette (non solo l’economia ma) la società intera, e che considera la tradizione delle forme e delle procedure come un appesantimento incomprensibile. Brutalmente, chi legifera non comprende affatto perché questo debba considerarsi il migliore dei mondi possibili, migliorabile all’infinito (cadono in questi giorni i v e n t i s e t t e  anni dalla 353) ma sempre più lontano dalla decenza.

Caro Remo, hai ragione, ma la nobile resistenza alla barbarie non illuminerà gli oppositori. Le nostre generazioni guardano ormai all’indietro. Non convinceremo la governance per il semplice fatto che essa è .. la governance e (soprattutto) è una governance che deve rendere conto ad altra (o ad altre) governance. Che le chiedono solo di presentarsi con un prodotto celere e low cost nel solo rispetto del due process of law. Le generazioni di giuristi positivi che seguiranno familiarizzeranno dall’inizio con la nuova realtà e, vivendolo, si industrieranno a razionalizzarlo e nobilitarlo.

Questo è il firmamento. Tutto il resto è (come dice il verso di Peguy posto da Salvatore Satta in esergo alla sua opera) procedura. Forse è triste ma deve trattarsi di una procedura che non interferisca con il firmamento.

                                                                                                                                                                Spielraum

Scarica l’articolo in pdf