IRRAGIONEVOLE DURATA DEL PROCESSO: L’AZIONE DI EQUA RIPARAZIONE NON PUÒ ESSERE ESERCITATA IN VIA SURROGATORIA

La domanda volta ad ottenere l’indennizzo per il danno non patrimoniale subito in conseguenza dell’irragionevole durata del processo presupposto ex l. n. 89/2001 non può essere proposta in via surrogatoria ex art. 2900 c.c., trattandosi di azione che, per la propria natura, deve essere esercitata dal relativo titolare, giacché l’esistenza di detto danno non può essere predicata in difetto di allegazione del danneggiato.

Di Roberta Brenda -

Cass. 2 ottobre 2017, n. 22975

La Corte di cassazione torna a discutere di equa riparazione per violazione del termine di ragionevole durata del processo, escludendo la possibilità  di proporre l’ azione risarcitoria ex l. n. 89/2001 in via surrogatoria.

Protagoniste della vicenda che ci occupa sono state le parti attrici di un processo conclusosi oltre il termine di ragionevole durata, le quali, per assicurare soddisfazione alle proprie ragioni, proponevano azione surrogatoria ex art. 2900 c.c. in relazione all’equa riparazione spettante al convenuto, debitore inadempiente degli importi liquidati dalla sentenza che aveva definito il giudizio presupposto.

La Cassazione esclude la legittimazione (straordinaria) in capo ai creditori, negando la proponibilità  in via surrogatoria della domanda di indennizzo da equa riparazione. In particolare, E’ stato chiarito che la sofferenza morale subita dalla parte per l’eccessivo protrarsi di un processo non nasce come diritto pecuniario ma come pretesa strettamente personale, ciò determinando il venir meno dei presupposti prescritti dall’art. 2900 c.c. La Cassazione si allinea così¬ all’orientamento prevalente (ma non del tutto pacifico) secondo il quale non sono surrogabili il diritto al risarcimento del danno non patrimoniale, spettando la scelta di dare seguito alla pretesa esclusivamente al suo titolare (Bianca, Diritto civile, V, Milano, 2015, 174). Altrimenti detto, l’interesse  del  creditore a veder incrementare la  garanzia  patrimoniale  del debitore deve cedere  il  passo di fronte all’interesse del debitore al libero esercizio dei propri diritti, con la conseguenza che l’esistenza del danno (non patrimoniale) da irragionevole durata del processo può essere dedotta in giudizio solo in presenza di allegazione proveniente dal danneggiato.

Diverso sarebbe stato il caso, invece, qualora l’azione surrogatoria avesse riguardato danni patrimoniali arrecati dalla eccessiva durata del processo presupposto. In ipotesi di questo genere, infatti, nulla impedisce la proponibilità  della domanda di indennizzo ai sensi dell’art. 2900 c.c.

Scarica il commento in pdf