IL FIGLIO MAGGIORENNE NON INDIPENDENTE ECONOMICAMENTE TRA DIRITTI, DOVERI E POTERI

SOMMARIO 1. La categoria del figlio maggiorenne non economicamente indipendente dopo la riforma del 2013 - 2. Segue. Il perimetro entro cui circoscrivere la categoria - 3. Le principali problematiche del mantenimento del figlio maggiorenne non indipendente economicamente connesse alla crisi matrimoniale: la mutevolezza delle esigenze e le spese straordinarie - 4. Segue. Il contenuto giuridico dell’obbligo di mantenimento - 5. La prova del raggiungimento dell’autosufficienza economica - 6. L’evoluzione dottrinale e giurisprudenziale della tutela del figlio non indipendente economicamente tra principio di solidarietà sociale, responsabilità genitoriale e doveri imposti dalla legge al figlio - 7. La legittimazione a far valere il diritto al mantenimento - 8. La tutela del figlio non indipendente economicamente dopo la legge Cirinnà - 9. La procedura di negoziazione assistita di cui al D.L. del 12 settembre 2014, n. 132, convertita nella l. 10 novembre 2014, n. 162 - 10. Considerazioni conclusive.

Di Maria Gabriella Rossi -

1.La figura del figlio maggiorenne non economicamente indipendente già contemplata dalla legislazione vigente è stata oggetto di una recente revisione attraverso il  d.lgs. 28 dicembre 2013, n. 154[1], nell’ottica di un riordino della materia e dell’ affermazione  dell’ unicità dello status di figlio.

Tutto ciò  sullo sfondo di una nuova accezione di “responsabilità genitoriale” [2]che è andata a modificare la tradizionale figura  della “potestà dei genitori”; la novella ha sostituito all’art. 155 quinques, c.c.,  il nuovo art. 337 septies, c.c.,  “Disposizioni in favore dei figli maggiorenni”, lasciando sostanzialmente immutata la natura della previsione anteriore .

Ciò premesso, i nodi problematici che sono stati sollevati intorno alla figura del figlio maggiorenne non economicamente indipendente sono diversi.

Un primo punto di riflessione attiene alla definizione della figura ,attraverso la ricerca del perimetro esatto della categoria del figlio maggiorenne non economicamente indipendente;  la normativa ammette che è obbligo dei genitori continuare a mantenere il figlio maggiorenne ove la non raggiunta autosufficienza economica non dipenda da sua colpa; ciò nel pieno rispetto della sua personalità  e delle  inclinazioni ed aspirazioni dello stesso.

Tale assunto, cui si è pervenuti attraverso un’interpretazione giurisprudenziale sempre più specifica sul punto, non è scevro di aspetti problematici.

Non sempre è facile stabilire per il giudice,  ove si collochi la negligenza del giovane rispetto all’assolvimento dei propri doveri sì da divenire economicamente indipendente.

Un secondo  piano di osservazione critica, collegato al su citato tema, attiene alla questione relativa alla prova della raggiunta autosufficienza economica da parte del figlio maggiorenne.

Un terzo livello d’indagine atterrà alla misura del mantenimento che dovrebbe spettare al  figlio maggiorenne non economicamente indipendente, involgendo numerose ricadute in tema di regolamentazione della crisi coniugale nella famiglia.

Collegata alla precedente si presenta un’ulteriore questione che sarà oggetto di scrutinio: il problema  della legittimazione a far valere in giudizio il diritto al mantenimento, se esclusivamente in capo al figlio o anche ed in alternativa, al genitore collocatario.

La querelle sul punto è ancora aperta poiché lo stato della giurisprudenza è ancora non univoco[3].

Tra i citati  nodi esegetici che dottrina e giurisprudenza sono chiamate costantemente a risolvere, se ne pone altresì un altro che la novella del 2013 ha sollevato, sancendo in modo più marcato la reciprocità dei diritti genitore figlio.

Oggi all’interno del  sistema inaugurato dalla novella del 2013,  va esaminato un dato nuovo, la “reciprocità” dei diritti  genitore/figlio, elemento del tutto assente nel sistema ordinatorio precedente;  come si dirà più innanzi, questo è elemento che andrebbe sviluppato e definito dal legislatore che si limita, sul punto, a dettare scarne norme di principio.

La novità invece, è che va attenuandosi, divenendo meno netta, a differenza dei sistemi precedenti,  la distinzione tra il figlio maggiorenne e minorenne: oggi  ciò che conta è  lo status filiationis, unificato ex art. 315 c.c., e si continua a registrare nell’odierno sistema un favor filii, che, alla luce delle più nuove prospettazioni va ridimensionato e bilanciato, perché non in tutte le fattispecie pratiche, tale atteggiamento di tutela assoluta del figlio,  si configura  in modo equo

Sul descritto sfondo normativo  si ponevano già   le numerose questioni critiche che erano al vaglio della nomofilachia e della dottrina,  nel mentre  veniva  emanata  la l. 20 maggio 2016, n. 76, “Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze, il cui esame in questa sede sembra imprescindibile, stanti le numerose ripercussioni anche sul tema in esame.

Sotto diverso aspetto va individuata un’ulteriore area critica relativa alla categoria del figlio maggiorenne non economicamente indipendente: la figura in esame non è stata oggetto di considerazione  nell’ambito del d.l. del 12 settembre 2014, n. 132, convertito nella l. 10 novembre 2014, n. 162 in materia di procedura di negoziazione assistita nella famiglia; ciò sta sollevando non poche criticità che dal punto di vista pratico gli operatori stanno riscontrando e ponendo alla classe giudicante.

Altre asperità  di ordine pratico, sono rilevabili nell’applicazione della previsione contenuta nell’art. 337 septies, c.c., circa la generale possibilità consentita al genitore obbligato,  del versamento diretto  dell’assegno di mantenimento all’avente diritto  «…salvo diversa determinazione».

Nella pratica, ove il provvedimento giudiziario si limiti a stabilire l’entità dell’assegno, senza diverse modalità e ripartizioni,  questo verrà versato direttamente al figlio maggiorenne; ciò potrebbe  comportare che  quest’ultimo  difficilmente stornerà, sua sponte, una quota in favore del genitore collocatario che però provvede ad ospitarlo, sostenendo ogni spesa, pur essendo il co-destinatario di quelle somme.

Tutto ciò sarà la genesi di nuovo contenzioso, atteso che il genitore collocatario non beneficerà di alcunché e dovrà provvedere in via esclusiva a tutto ciò che riguardi il vitto e l’alloggio del giovane maggiorenne. Ove invece la ragionevolezza ispirerà i comportamenti di genitori e figli, tutto potrà risolversi in modo stragiudiziale.

2.Ai fini dell’individuazione della categoria in esame alla luce delle criticità denunciate, va sottolineato che l’esame della posizone del figlio maggiorenne non economicamente indipendente, nel novellato ordinamento giuridico, dopo l’intervento del d.lgs. n. 154 del 2013, presuppone alcune  precisazioni   di ordine generale sullo “status filiationis[4]. Tali considerazioni non possono essere pretermesse perché si pongono, in ordine ai rapporti genitore/figli, in tema di paternità e nelle azioni di stato, in una prospettiva evolutiva mirando a  denunciare delle carenze e contraddizioni che permangono nell’ordinamento in esame[5].

A questo proposito, va fatto cenno alla  scarna previsione delle “Disposizioni in favore dei figli maggiorenni” nell’art. 337 septies, c.c., che ricalca pressoché quella precedente senza alcun apporto esplicativo.

Tale disposizione peraltro lascia  imprecisato  il concetto di figli non indipendenti economicamente, cioè di quel figlio maggiorenne che  versando in tale stato, potrà continuare a pretendere dai genitori, o da uno solo di essi – colui che risulta obbligato –   il mantenimento; tema questo di grande approfondimento giurisprudenziale, nel quale la nomofilachia nazionale e comunitaria si trova ,  de iure condendo,  a fornire  un grosso apporto all’interprete. In effetti l’era socio-economica che si sta vivendo, in cui “l’impiego fisso” che in passato ha rappresentato la linea di demarcazione certa tra una situazione di dipendenza economica dei figli dai genitori e non, oggi  continua ad essere una  chimera;  i giovani, laureati e non, si trovano, se “fortunati”,  a balzare da un “contratto a termine” ad un altro, non potendosi mai conformare ad uno stato di raggiunta stabilità economica.  Tutto ciò   non permette  agli operatori del diritto, di fare chiarezza nella materia,  con l’individuazione di oggettivi requisiti  che possano  qualificare certe situazioni che finiscono per collocarsi borderline, rispetto all’accertata categoria del figlio maggiorenne non indipendente economicamente,  creando confusione  e spesso criticabile contenzioso.

Rimangono quindi inespressi dalla legislazione in esame, se pur più aggiornata, i profili essenziali attraverso cui individuare tale figura;  da ciò è possibile affermare che la  categoria del figlio maggiorenne, ancora dipendente economicamente,  resti una categoria, all’interno della famiglia, ancora vulnerabile; così come in altri casi essa, rappresenta invece una categoria prevaricante sullo status di genitore portatore di obblighi e doveri verso i figli e mai esattore di diritti!

Sulla base di queste premesse è ipotizzabile auspicare  che vengano ridisegnati e ben definiti i connotati della categoria del figlio maggiorenne non economicamente indipendente[6].

In  via conclusiva,  ed in assenza di criteri univoci dettati dai giudici nazionali e comunitari,  può affermarsi che  l’area in esame è certamente, più di altre,  un’area problematica, perché involge diritti umani ed in particolare diritti di minori.

E ciò che va rimarcato è che  tale situazione di criticità  supera il perimetro dell’ordinamento nazionale, riguardando l’intero orizzonte europeo richiedendo un’osservatorio attento a compasso allargato delle situazioni d’oltralpe e delle decisioni della Corte EDU.

Pertanto sarà compito dell’interprete esaminare il caso singolo risolvendolo attraverso una interpretazione non solo costituzionalmente orientata, ma, stante la complessità ordinamentale del sistema delle fonti[7],  per mezzo di un’esegesi delle fonti,  che tenga conto  dell’interpretazione effettuata dal Giudice comunitario[8] .

3.La situazione del figlio maggiorenne non autosufficiente può declinarsi in molteplici contesti sociali ed economici ma sempre sotto un comune denominatore ben evidenziato dal novellato art. 315 bis,c.c., in tema di diritti e doveri del figlio. Egli vanterebbe il diritto ad essere “assistito moralmente” dai genitori, oltre a quello all’assistenza  ed all’istruzione, dal quale trapela ictu oculi, lo spessore dell’obbligo genitoriale che naturalmente è suscettibile di travalicare il dato della minore età del figlio.

Le esigenze dei figli minori, come del maggiorenne non autosufficiente, secondo il disposto degli  artt. 147 e 337-ter c.c. , hanno infatti, un contenuto composito ricomprendendo le spese ordinarie, quelle da considerarsi straordinarie, nonché quelle relative all’istruzione, sport, e svago, tenuto conto del tenore di vita già goduto dai figli in costanza di matrimonio, unitamente ai tempi di permanenza presso ogni coniuge e  comunque  nel rispetto delle loro capacità, inclinazioni naturali e aspirazioni, secondo quanto previsto dall’art. 315 bis c.c.; ma tra i parametri che il legislatore invita a considerare, il primo è quello che attiene  alle attuali esigenze del figlio”.

In tal senso la riforma del 2013, statuendo per il minore nell’art. 337-octies, un “criterio pedagogico”[9], cui obbligatoriamente i genitori devono attenersi nella scelta educativa dello stesso, quale strumento di rispetto della personalità del ragazzo, indica indirettamente la strada da seguire anche nel rapporto con il figlio maggiorenne che stenta a raggiungere l’autosufficienza economica.

Ne emerge una sostanziale valorizzazione di tutti i diritti facenti capo al figlio e quindi anche al maggiorenne non indipendente economicamente,  che quindi conferisce  nuova linfa al generale obbligo di mantenimento che grava su ogni genitore andando a scolpire ancora meglio il rapporto genitori-figli[10].

La Suprema Corte, a questo proposito,  ha avuto modo di chiarire[11], in un contesto di elastica mutevolezza del quadro che accompagna le esigenze di un figlio in crescita quale il maggiorenne che affronta ulteriori studi o in cerca di un lavoro, che tali esigenze mutano in relazione al semplice trascorrere del tempo e giustificano un adeguamento automatico dell’assegno di mantenimento, senza che sia necessario per il richiedente (genitore o figlio maggiorenne non autosufficiente) dare dimostrazione dell’avvenuta modifica.

Sotto diverso profilo, un recente arresto giurisprudenziale [12]  ha fatto il punto sulla nozione di spesa straordinaria, riconducendo a razionalità e coerenza il variegato quadro fin’ora venutosi a creare.

La Corte di legittimità coglie l’occasione per chiarire la nozione di spesa straordinaria i cui confini spesso appaiono incerti ed oggetto di contenzioso tra le parti.  L’importante pronuncia ha avuto  il merito di sottolineare come non sia possibile l’inclusione  delle spese straordinarie nell’ambito dell’assegno di mantenimento, in particolare nell’ipotesi in cui esso sia di rilevante importo.

Il condivisibile provvedimento denuncia inoltre l’assenza nel nostro ordinamento della definizione astratta della categoria – spesa straordinaria – che va colmata con l’opera additiva della giurisprudenza; individua tre importanti caratteristiche che devono essere presenti in un titolo di spesa affinchè questa possa considerarsi straordinaria: rilevanza, imprevedibilità ed imponderabilità[13].

Giova osservare come lo stesso provvedimento esalti, altresì, la funzione correttiva della spesa straordinaria che può  riequilibrare “gli effetti distorsivi”  di un assegno prefissato; verosimilmente poiché l’obbligato è tenuto ad un assegno mensile il cui ammontare è stato predeterminato   dal giudice spesso potrà rifiutarsi di aggiungere ulteriori voci di spesa. Di contro, oltre alle   esigenze ordinarie della prole ( già  quantificate ), devono essere corrisposte le somme necessarie per soddisfare anche le esigenze straordinarie, sulla base dei criteri di cui all’art.  337 ter, non sempre scevri da criticità esegetiche[14] .

Ciò ha condotto spesso la classe forense ad adottare a mezzo degli Ordini professionali locali,  dei Protocolli d’intesa con la Magistratura locale  per rendere più fluida l’individuazione della categoria delle spese straordinarie[15], ma soprattutto deflazionare il contenzioso sul punto.

Giova rimarcare un recente orientamento della Suprema corte che ha sottolineato come l’interesse del minore e la compatibilità con esso, possano giustificare l’esborso di spese straordinarie anche in assenza di un preventivo consenso dell’altro coniuge, valutandone l’utilità e la sostenibilità della spesa stessa anche in relazione alle condizioni economiche dei genitori; conseguentemente non perderà il diritto al rimborso quel coniuge affidatario, che non abbia concertato preventivamente con l’altro, la spesa straordinaria[16].

4.Si afferma[17] già da tempo, con riferimento al figlio maggiorenne non economicamente indipendente, che sul genitore separato grava comunque l’obbligo di mantenimento che può cessare solo in presenza di una pronuncia giudiziale che ne sancisca il termine definitivo; ciò porta a considerare una certa incertezza interpretattiva in ordine ai requisiti che tale autosufficienza economica sopravvenuta, debba possedere e che solo l’esame caso per caso sembra in grado di poter individuare[18].

Tuttavia tale assunto, che correla l’obbligo de quo, al solo fatto della procreazione, va ridimensionato; esso postula un principio analogo alla responsabilità da inadempimento,  c.d. principio di presunzione di persistenza del diritto[19], per il quale un diritto deve presumersi esistente se non c’è prova della sopravvenuta causa di estinzione dello stesso.

Sostanzialmente il genitore si trova a dover superare una presunzione iuris tantum. Presunzione che potrà essere oltrepassata  soltanto con la prova della sopravvenuta autonomia economica del figlio maggiorenne non economicamente indipendente[20]; in difetto il genitore su cui grava l’obbligo di mantenimento in astratto, resterà obbligato fino a quando non otterà un provvedimento giudiziale che lo esoneri da tale obbligo.

Va segnalato, di contro, un orientamento giurisprudenziale[21] che ritiene che  tale onere probatorio vada temperato permettendo al genitore tenuto a corrispondere l’assegno di mantenimento,  di poter acquisire, visionare ed estrarre, per assolvere a tale onere, ogni documento o copia di documento amministrativo rilasciato da pubblici organi da cui poter ricostruire e provare l’attuale situazione economica del figlio[22].

Occorre altresì rapportare il diritto d’informarsi  del genitore obbligato, con il diritto alla riservatezza, quale diritto inviolabile ed irrinunciabile del figlio destinatario dell’eventuale assegno di mantenimento. Ragionevolmente, come in giurisprudenza è stato segnalato,  lì dove da tali prove documentali di natura amministrativa che possano rappresentare l’esatta situazione reddituale del figlio maggiorenne,  il genitore obbligato ne possa trarre  la prova del proprio esonero, prevarrà questa posizione rispetto a quella del presunto avente diritto.

Non può essere sottaciuto tuttavia un’importante intervento delle Sezioni Unite della Suprema corte[23], che nell’area del rapporto diritto difesa/diritto riservatezza, ha affermato  il principio per cui «la disciplina generale in tema di trattamento dei dati personali subisce deroghe ed eccezioni quando si tratti di far valere in giudizio il diritto di difesa, le cui modalità di attuazione risultano disciplinate dal codice di rito». Precipitato logico delle osservazioni svolte  è l’inevitabile compressione del diritto alla privacy del figlio maggiorenne che adduce  la propria  non autonomia economica in favore del diritto di difesa del genitore obbligato, che può chiedere l’esibizione di dichiarazioni reddituali e della situazione previdenziale e contributiva del figlio.

Naturalmente ai fini della prova del superamento dell’obbligo di mantenimento del figlio non autosufficiente economicamente, la posizione giurisprudenziale più recente[24] è unanime nel ritenere che la coltivazione delle aspirazioni culturali e professionali  del figlio maggiorenne  che desideri intraprendere un ciclo di studi per conseguire una migliore posizione in ambito professionale, non determini il venir meno del dovere di mantenimento da parte del genitore, che non può esimersi da tale obbligo.

Ciò appare ampiamente condivisibile stante il disposto normativo degli artt. 147 c.c. come novellato, e dell’ artt 337 ter c.c , che impongono ai genitori di rispettare le “le capacità, le inclinazioni naturali e  le aspirazioni   dei figli minori” e di quelli ad essi equiparati; in contrario può sottolinearsi che ove il percorso di studi intrapreso non dia risultati soddisfacenti nel tempo, certamente per un atteggiamento non incolpevole, la scelta intrapresa dal figlio maggiorenne non autosufficiente risulterà pretestuosa  e parassitaria e di ciò potrà esserne data prova dal genitore ove voglia esimersi dall’obbligo di mantenimento del maggiorenne non autosufficiente.

Lo stesso iter ermeneutico non può essere seguito secondo la Suprema Corte, ove si parli di “perdita di chance” lì dove il figlio, raggiunta l’autosufficienza economica attraverso il guadagno di  “un reddito corrispondente alla professionalità acquisita in relazione alle normali e concrete condizioni di mercato”[25] strumentalizzi la volontà di eventuali ulteriori traguardi professionali al fine di  ottenere la continuazione della corresponsione dell’assegno di mantenimento dal genitore.

Per vero sembrerebbe che  i genitori, separati e non, abbiano adempiuto il proprio obbligo di mantenimento verso i figli quando hanno consentito concretamente agli stessi di completare il percorso di studi intrapreso, secondo il generale dovere di solidarietà sancito dall’ordinamento costituzionale e nel rispetto delle loro aspirazioni.

Ma ciò non è sufficiente poiché, nella realtà concreta, di là da posizioni di abuso del diritto al mantenimento integranti profili parassitari per colpevole inerzia o rifiuto ingiustificato di opportunità di lavoro, tali da divenire  patologici rispetto al rapporto genitore/figlio[26], l’obbligo del mantenimento non viene meno; ciò, in ossequio a quel medesimo dovere di solidarietà insito nell’obbligo sancito dalla legge e perdurante in presenza di determinati presupposti, come chiarito ampiamente in sede giurisprudenziale, se non in presenza del raggiungimento dell’autonomia economica del figlio.

Da un diverso angolo visuale va segnalato il testo recentemente novellato dell’art. 316 c.c., che  avendo eliminato ogni riferimento alla durata della responsabilità genitoriale, prima  fissato nel raggiungimento della maggiore età o della emancipazione, mette in risalto una diversa ottica cui oggi è approdato l’obbligo di mantenimento dei figli maggiorenni; questo  va rapportato,  come è stato autorevolmente sottolineato[27] ad un diverso momento storico non coincidente necessariamente – anzi quasi mai – con la maggiore età.

La differenza rispetto al precedente regime – sotto la vigenza della potestà genitoriale – è peculiare  e ciò, come è stato rimarcato[28],  si evince anche  dalla Relazione illustrativa alla Riforma[29] ove è evidenziato che la responsabilità genitoriale «vincola i genitori ben oltre il raggiungimento  della maggiore età, fino cioè al raggiungimento della indipendenza economica».

5.Si è chiarito che il raggiungimento dell’autosufficienza economica da parte del figlio maggiorenne va provato dal genitore presumibilmente ancora obbligato.

Anche in dottrina[30] si è sottolineato come per provare la raggiunta autosufficienza economica  sia determinante non già, ad esempio,  l’aver contratto matrimonio, ma soltanto ed in via esclusiva la presenza di un reddito ovvero il possesso di un patrimonio tali da assicurare l’autosufficienza economica[31]. Né potrà valere l’esercizio di qualsiasi impiego o la produzione di qualsivoglia reddito[32], ad esautorare l’obbligo di mantenimento. Non è richiesta altresì neppure la stabilità del lavoro, atteso che un lavoro una tantum, precario  o stagionale, possono, ma non sempre[33], comunque valere ad integrare quella sufficienza economica tale da consentire l’autonomia del figlio maggiorenne.

Nondimeno va segnalata un’altra indicazione di rilievo: l’indipendenza economica è raggiunta quando si è  in presenza di un’attività intrapresa dal figlio maggiorenne non indipendente economicamente, tale da consentirgli il guadagno di un reddito corrispondente alla sua professionalità ed una coerente  collocazione nel contesto economico-sociale rispetto al titolo di studio o la professionalità raggiunta, adeguata alle proprie attitudini ed aspirazioni [34].  In coerenza con tale costruzione, di recente la Cassazione  ha negato la prosecuzione del mantenimento in favore del figlio specializzando in medicina[35].

Vanno considerate “parassitarie”[36] e quindi estintive dell’obbligo di mantenimento, situazioni non più fisiologiche quali quella del figlio trentaseienne laureato, sempre alla ricerca di sistemazione, per la quale la Suprema corte ha sancito l’interruzione del mantenimento[37].

Sembra utile sottolineare un  dato derivante da un recente approdo della Suprema corte[38] nel quale è possibile rilevare come il parametro usato per il figlio maggiorenne non indipendente economicamente, ai fini del rilevamento dell’inadeguatezza dei mezzi economici dello stesso, sia dal giudice di legittimità, stato utilizzato per il “coniuge debole”, avente dititto al mantenimento.in assenza di una qualsivoglia attività lavorativa senza colpa.

Nella  stessa ottica  il giudice di legittimità  ha statuito che la perdita del lavoro non fa rinascere il mantenimento, così come concepito nei confronti del figlio minorenne o maggiorenne non economicamente indipendente[39]. La posizione invece si ritiene che vada esaminata “caso per caso”, poiché ogni fattispecie concreta può differenziarsi dall’altra.

Dalla casistica giurisprudenziale viene in risalto la regola secondo la quale  il genitore obbligato dovrà dar prova che il figlio maggiorenne ha raggiunto l’indipendenza economica, dimostrando che questi è stato messo nelle concrete condizioni per poter essere  economicamente autosufficiente e che in tale situazione non ne abbia tratto utile profitto per sua colpa o per sua scelta[40].

Tale significativo principio e la ratio retrostante che postula l’applicazione del principio di solidarietà rispetto ad una situazione di “inadeguatezza reddituale”, come accennato,  è stato recentemente assunto  dalla Suprema Corte richiamando espressamente, per il “coniuge debole” l’art. 337 septies, c.c.; il principio è  utilizzato dal Giudice, quale indicatore della presenza o meno di “autosufficienza economica” del coniuge debole; ciò al fine di verificare la sussistenza dell’obbligo al versamento dell’assegno divorzile nel nuovo scenario che contrassegna il recente approdo giurisprudenziale[41] in tema di obbligo di mantenimento nella fase del divorzio, che sta  segnando il nuovo passo nella materia de qua.

Quanto all’onere probatorio, nell’ambito dei rapporti tra figlio maggiorenne non economicamente indipendente e genitore  obbligato, si rammenta che spetterà, da un lato,  al genitore fornire la prova del verificarsi di circostanze estintive dell’obbligo stesso in conformità all’art. 2697 c.c.[42] ; tuttavia, per altro verso,   va tenuto presente che non è sufficiente l’analisi del solo punto di vista del figlio (maggiorenne), ma occorre considerare anche la concreta situazione in cui versa il genitore obbligato. Basti pensare alla fattispecie del  genitore affetto da una malattia grave e perciò concretamente impossibilitato a sopportare quel sacrificio economico corrispondente al mantenimento del figlio maggiorenne.

Ne discende che la situazione di  vulnerabilità andrà valutata in concreto, anche  in chiave diacronica, indirizzando l’analisi sull’evoluzione temporale, qualitativa e quantitativa, della posizione di entrambe le parti, obbligato ed onerato.

In ordine al quantum dell’assegno di mantenimento riconoscibile in capo al figlio maggiorenne non autosufficiente economicamente, si è pronunciata la Suprema Corte[43] che ha sottolineato che tale assegno va adeguato, oltre che al reddito dei due coniugi separati o divorziati, anche all’eventuale reddito percepito dai figli come corrispettivo dell’attività lavorativa svolta, aumentando o diminuendo in base al grado di autonomia economica dagli stessi raggiunto. Tale onere economico deve comunque consentire il mantenimento del tenore di vita già goduto dal figlio in precedenza e consentirgli un adeguato sviluppo psico fisico e  culturale così come sarebbe avvenuto in costanza di matrimonio tra i  genitori dello stesso.

Va, inoltre, segnalato che, secondo un recente orientamento della giurisprudenza di merito[44], il provvedimento di assegnazione della casa coniugale è subordinato alla presenza  di figli, minori o maggiorenni  non economicamente autosufficienti, conviventi con i genitori; tale ratio protettiva, che tutela l’interesse dei figli a permanere nell’ambiente domestico in cui sono cresciuti, non è configurabile in presenza di figli economicamente autosufficienti, sebbene ancora conviventi, verso cui non sussiste alcuna esigenza di speciale protezione. Il  criterio che segna il discrimen tra l’assegnazione o meno della casa familiare ad un coniuge affidatario di figlio maggiorenne, è che  quest’ultimo rivesta la qualità di  soggetto non autonomo economicamente, purchè sempre convivente.

6.Accanto al diritto al mantenimento, l’ordinamento prevede che il figlio maggiorenne sia tenuto a collaborare con i genitori ed a contribuire alle spese familiari, finchè convivente, cioè dei veri e propri doveri verso chi lo ha generato e mantenuto.

Referente normativo in tal senso è il novellato art. 315 bis, c.c. che sancisce altresì  il dovere alla contribuzione proporzionale al proprio reddito ed alle proprie capacità al mantenimento della famiglia, finchè il figlio convive con essa.

La concentrazione della categoria dei diritti e quella  dei doveri nell’ambito della  stessa norma[45] , gli uni, i diritti,  prima degli altri, non è scelta casuale; il condivisibile obiettivo del legislatore risiede certamente nella volontà di avvalorare la portata dei doveri del figlio stanti i numerosi diritti di cui egli gode nei confronti dei genitori; diritti “senza tempo” che egli vanta in un contesto che, con la novella del 2013, sullo sfondo dell’art. 30 della Costituzione italiana, ha subito  nuovo impulso e slancio con l’unico obiettivo della “cura  dei figli”[46] .

Inoltre, il legislatore, con la novella del 2013, ha individuato un nuovo criterio per misurare l’obbligo di collaborazione sancito dall’art. 315 bis, c.c., le “capacità” dei figli, parametrando il loro apporto e  rendendo individualizzata la natura di tale obbligo di contribuzione al mantenimento della famiglia che può variare in relazione a ciò che realmente è nella loro possibilità di apportare.

Il dovere del figlio di contribuire ai bisogni della famiglia  in base alle proprie capacità,  in tale prospettiva, dovrebbe essere letto quale divieto di oberare la famiglia di spese non utili né produttive.

7.Incertezze giurisprudenziali ancora sussistono intorno al tema della legittimazione a far valere in giudizio il diritto del figlio maggiorenne al mantenimento, considerato che l’art. 337 septies, c.c., prevede il versamento diretto dell’assegno all’avente diritto.

Resta acclarato[47] che in presenza di figli maggiorenni non autonomi, ma conviventi con uno dei genitori, la domanda di  mantenimento può essere fatta dal coniuge anche in sede di separazione o divorzio ed in questa ipotesi ci sarebbe una legittimazione concorrente, ferma la legittimazione del figlio, con il quale convive, ad agire  personalmente, al di fuori del procedimento di separazione e divorzio.

Si tratta di due diritti autonomi e non  dello stesso diritto attribuito a più persone atteso che  il creditore è unico, il figlio[48]; ma in assenza di un’autonoma richiesta del figlio potrà il genitore agire jure proprio per la soddisfazione di un diritto del figlio, ma per un interesse anche proprio.

La nozione di interesse ad agire porta infatti a scolpire il discorso su una struttura di interesse composito del figlio congiuntamente a quello del genitore a che il primo possa continuare gli studi e veder soddisfatte le proprie inclinazioni, aspirazioni ed esigenze. Ciò legittima il genitore non obbligato a richiedere il mantenimento all’altro coniuge, ovvero una revisione delle precedenti condizioni, al fine di di vedere concretamente attuate le esigenze culturali e di sviluppo psicofisico del figlio, anche per ottenere la restituzione di quanto anticipato nell’inerzia dell’altro genitore[49].

In questo approdo ormai consolidato, che vede la legittimazione del genitore concorrente con quella del figlio, ove questi non dovesse azionarla,  va ad inserirsi la criticità interpretativa  della norma, determinata dall’elemento della necessaria coabitazione del figlio maggiorenne non economicamente autonomo con il genitore affidatario, quale elemento che determini in via esclusiva la legittimazione di quest’ultimo, come sollevata da alcuna giurisprudenza  minoritaria[50]; tale non condivisibile orientamento ha sottolineato che in assenza di un collegamento stabile del figlio maggiorenne non autosufficiente con la casa del genitore collocatario, verrebbe meno la legittimazione concorrente del genitore ad agire nell’interesse del figlio, restando esclusiva la legittimazione del figlio; cosichè oggi nella giurisprudenza di merito si dibatte intorno alla nozione di  “collegamento stabile”, rilevante ai predetti fini.

In proposito, nessun valore costitutivo assumerebbero i  brevi rientri presso la casa familiare del figlio universitario, che, per il sol fatto di trascorrere un tempo quantitativamente superiore, fuori dalla residenza del genitore collocatario, non sarebbe più “convivente”; venendo meno quel tipo di collegamento con il genitore collocatario,  che legittimerebbe quest’ultimo ad un’azione jure proprrio nell’interesse del figlio.

Tuttavia, l’orientamento maggioritario, già consolidatosi nel 2012[51], continua ad essere  confermato sia in Cassazione che dai giudici di merito[52], stigmatizzando quelle  nozioni  di “collegamento stabile” rigidamente legate a parametri di natura temporale; ciò che dovrà valutarsi sarà l’effettiva dipendenza dal genitore  e quindi potendosi ammettere che le esigenze di studio o di primo lavoro, possano determinare l’allontanamento temporaneo del figlio senza spezzare il legame che lo rende ancora strettamente dipedente dai genitori, in attesa dell’attuazione delle sue aspirazioni e nel rispetto delle capacità dello stesso, come voluto dall’art. 315 bis, c.c.

Va da ultimo segnalato una recentissima pronuncia della Suprema corte[53] ove emerge un chiaro criterio esegetico della nozione di “coabitazione” del figlio con il genitore, secondo cui  la coabitazione “…..può non essere quotidiana, essendo tale concetto compatibile con l’assenza del figlio anche per periodi non brevi per motivi di studio  o di lavoro, purchè egli vi faccia rientro regolarmente”.

 Indirizzo ermeneutico che va a rimarcare come la nozione di coabitazione del figlio con il genitore collocatario, sia da costruire  alla luce di circostanze obiettive che tengano conto della realtà concreta che vive il figlio collocato presso un genitore, seppur maggiorenne.

8.Tra i referenti normativi che regolano il tema che si sta indagando relativo alla posizione del figlio maggiorenne non economicamente indipendente, non può essere tralasciata la recentissima l. 20 maggio 2016, n. 76, Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze.

Come da più parti è stato evidenziato, con questa epocale riforma, con  riferimento alla tutela degli eventuali  figli dei partner delle unioni o convivenze, è stato sottolineato un principio sostanziale di grande rilievo:  l’istituto della responsabilità genitoriale ormai da tempo non ammette deroghe legate alla natura del rapporto che lega i genitori, sia esso il  matrimonio o il semplice  rapporto di fatto. Il rapporto genitoriale, come la CEDU ha da tempo sottolineato, è un rapporto forte che va sostenuto comunque, sia esso  all’interno o all’esterno di qualsivoglia rapporto di coppia.

Chiaramente, anche in questo contesto,  il problema del mantenimento del figlio maggiorenne non economicamente indipendente, qui si pone, nello stessa prospettiva in cui si  agita  quello relativo al  mantenimento del figlio minorenne.

Il rapporto stabile  della coppia ed ufficializzato dalla legge in esame, sia nelle unioni civili (di cui ai commi da 1/35, dell’art. 1 della legge n. 76/2016)  che nelle convivenze  omo o eterosessuali (di cui ai commi 36/65 dell’art. 1 della legge n. 76/2016) sembra slegato dal tema della responsabilità genitoriale, e da tutto ciò che da essa ne scaturisce, seppure  con qualche ‘distinguo’.

Per la  fattispecie delle “unioni civili” (quindi esclusivamente le unioni tra omosessuali), il figlio biologico di uno dei due partner vanterà dei diritti ed avrà dei doveri esclusivamente verso il proprio genitore, ma non anche verso il partner di quest’ultimo.

In effetti l’eliminazione nell’originario testo della legge della c.d. “ stepchild adoption” cioè l’adozione del figlio biologico del partner , ha fugato ogni dubbio in tal senso; nella norma de qua, è però presente l’inciso per cui “resta fermo quanto previsto e consentito in materia di adozioni dalle norme vigenti”, per cui spetta alla magistratura pronunciarsi caso per caso sul tema delle adozioni per le coppie gay.

Solo per completezza va infatti precisato che la possibilità dell’adozione del figlio minorenne del proprio partner, è ammessa oggi anche dalla giurisrudenza dei tribunali per i minorenni, in applicazione dell’art. 44 lettera d) della legge n. 184 del 1983[54].

Nella fattispecie in cui il figlio sia stato riconosciuto solo da un genitore, vale il  discorso sull’adottabilità del figlio del partner e quindi l’estensibilità del tema della posizione del figlio maggiorenne non economicamente indipendente.

In una  prospettiva problematica si  tratterebbe, altresì,  di indagare sulla questione se il partner non genitore,  all’interno di un’ unione civile omosessuale, sia tenuto giuridicamente al mantenimento del figlio biologico del proprio partner, non solo a contribuirvi ma anche nell’ipotesi di morte del padre biologico dello stesso, per il solo fatto di aver questi dato vita all’unione civile prevista dalla legge.

La legge Cirinnà, introducendo per le parti dell’unione civile tra omosessuali (art. 1, commi da 1 a 35)  l’obbligo reciproco di assistenza morale e materiale,  e alla coabitazione, sancisce  che entrambe le parti  secondo le proprie capacità di lavoro  professionale o casalingo (art. 1, comma 11, legge n. 76 del 2016), debbano  contribuire ai “bisogni comuni”; esse concordano l’indirizzo della vita familiare e fissano  la residenza comune.

L’assetto indicato dalla norma de qua, sottolineando l’importanza della vita familiare così costituita e precisata  dai dettami normativi, e gli obblighi che ne scaturiscono, pone il quesito se tale obbligo di assistenza reciproca rispetto ai “bisogni comuni” si estenda al figlio del partner.

Ciò in considerazione della circostanza per cui nelle unioni civili, in alcuni casi, (esemplificativamente  nel comma 42, dell’art. 1, legge n. 76/2016) la novella ha previsto una serie di diritti, come sancito per il diritto  di abitazione,  a tutela degli  eventuali figli dell’altro partner, nella fattispecie del decesso del proprietario dell’immobile di comune residenza.

È, dunque, lecito ipotizzare che, sia che si tratti di figlio minorenne che di figlio maggiorenne non indipendente economicamente,  oltre il diritto all’abitazione possa scatutire in favore dei figli del partner deceduto, anche un eventuale diritto al mantenimento stante l’obbligo dell’assistenza morale e materiale  a contribuire ai bisogni “comuni”.

Il legislatore, enfatizzando lo spirito oltre che affettivo anche collaborativo che dall’unione civile deve scaturire,  ha individuato lo “zoccolo duro” di essa  volutamente indicando la pista ermeneutica per individuare la giusta regola da applicare ai singoli casi, nei quali può manifestarsi l’esigenza di proteggere gli interessi dei soggetti più deboli.

9.Un cenno non può essere pretermesso in ordine all’utilizzo da parte dei genitori del figlio maggiorenne  non indipendente economicamente, della procedura di negoziazione assistita in materia di famiglia, prevista dal d.l. 12 settembre 2014, n. 132, convertita nella l. 10 novembre 2014, n. 162 [55].

E’ stato sottolineato[56], in modo  condivisibile, che il nuovo procedimento di separazione e divorzio attraverso la procedura di negoziazione assistita[57], non sembra dare alcun valore all’istituto dell’ascolto del figlio; va invece rimarcato come la partecipazione di esso alla procedura,  sarebbe un vantaggioso apporto «per far emergere i doveri di rispetto dei genitori e di contribuzione in relazione alle proprie capacità, alle proprie sostanze ed al proprio reddito, al mantenimento della famiglia finchè convive con essa, che gravano sui figli già prima della capacità d’agire».

Sul tema della partecipazione del figlio  maggiorenne non indipendente economicamente alla  procedura  della negoziazione assistita per far valere il proprio diritto al mantenimento, si è pronunciato di recente il giudice di merito[58]  che, come il P.M.  nel medesimo procedimento,  pur  negando  che il figlio maggiorenne  possa parteciparvi – escludendo la possibilità di accordi trilaterali – ha  trovato una soluzione differente al problema dell’eventuale accordo già  negoziato anche dal figlio maggiorenne.

La sottoscrizione da parte  del figlio maggiorenne  non indipendente economicamente, dell’accordo raggiunto dai genitori al fine di modificare le condizioni del divorzio già pronunciato dal Tribunale che lo riguardavano direttamente, considerata dal P.M. una irregolarità poiché  la partecipazione del  figlio maggiorenne non indipendente economicamente ad un atto le cui parti sono soltanto i genitori, infatti  sembra essere stata  impeditiva  rispetto al rilascio dell’autorizzazione da parte della Procura della Repubblica, ad effettuare le iscrizioni pubblicitarie previste dalla legge n. 162 del 2014, per la pubblicità da effettuarsi nell’ambito  dell’ordinamento dello stato civile.

Ma in una posizione differente rispetto all’effetto finale,  si è invece posto  il provvedimento  pronunciato  dal Presidente del  Tribunale di Torino[59], competente a pronunciarsi sulla richiesta di autorizzazione alla modifica delle condizioni della separazione o divorzio, ai sensi dell’art. 6, legge 162 del 2014.

L’organo presidenziale, in una condivisibile  ottica di economia processuale e di conservazione degli atti processuali, ha ritenuto perfettamente regolare l’atto di modifica delle condizioni della separazione già proposto dai due ex coniugi al vaglio della Procura della Repubblica per la prescritta autorizzazione;  quindi in questa fase davanti al Presidente del Tribunale, i coniugi si è ritenuto possano modificare l’accordo escludendo la partecipazione del figlio ed ottenere così, verificati positivamente gli altri presupposti, l’autorizzazione direttamente dal giudice. Ciò nonostante l’atto avesse  contemplato tra l’altro, anche l’assegno di mantenimento in favore del figlio maggiorenne non indipendente economicamente che aveva  sottoscritto unitamente ai due genitori l’atto modificativo.

La soluzione non pare in contrasto né con principi sostanziali di tutela del figlio maggiorenne, né sotto il profilo formale; anzi realisticamente vale ad acclarare la tutela del terzo estraneo all’atto, atteso che l’atto stesso provvede a regolare aspetti sostanziali in suo favore.

Riflessioni critiche proliferano, tuttavia, sul tema delle recenti riforme processuali che hanno interessato il diritto di famiglia, in particolare la materia del divorzio consensuale[60].

Su un piano differente si pone il problema sollevato dalla nuova disciplina  in merito all’individuazione da parte dei redattori del contratto di negoziazione ( gli avvocati)  dei requisiti posseduti dal figlio maggiorenne da cui  desumere che lo stesso sia non indipendente economicamente.

Va altresì evidenziato che, pur nell’ ottica perequativa degli interessi di ciascuno ed alla luce dell’esperienza pratica, eiste il rischio che  l’interesse alla tutela ad un serio mantenimento del figlio maggiorenne non indipendente economicamente scivoli verso situazioni di non veridicità o scarsa congruità dolosamente preordinate dai genitori, e che ciò possa  sfuggire agli avvocati che tuttavia agiscono in qualità di pubblici ufficiali; pur tuttavia non va dimenticato il fondamentale ruolo del  controllo di legittimità previsto in capo alla Procura della Repubblica, chiamata ad adottare provvedimenti autorizzativi dell’atto di negoziazione solo alla luce della produzione di documenti formali che attestino oggettive situazioni di autosufficienza economica.

L’atto privato previsto dalla procedura di negoziazione assistita, guidato dai legali alla luce della normativa vigente e dei requisiti che questa richiede, è atto che recepisce le volontà dei due ex coniugi o conviventi, genitori tra l’altro del figlio  che sarebbe loro cura tutelare, quindi è fondamentale il ruolo degli avvocati ma imprescindibile la funzione di controllo dell’organo giudiziale.

Nella procedura della negoziazione assistita la posizione processuale del figlio  conduce, specie in presenza del figlio minorenne, ad un mero conflitto tra i genitori; sarà il genitore collocatario a sopportare il peso processuale di adire di volta in volta il giudice affinchè le inclinazioni naturali, le aspirazioni e le capacità del figlio, trovino adeguata tutela[61] , cioè quel rispetto della sua personalità, della dignità autonoma di persona che è l’essenza della novella del 2013.

10.Ci si dovrebbe domandare, alla luce delle considerazioni svolte, se la tutela del figlio maggiorenne non autosufficiente[62] sia effettiva.

Come è stato autorevolmente affermato[63], nell’attuale sistema e nella crisi della famiglia tradizionale, i veri strumenti di solidarietà tra coniugi e verso i figli sono l’assegno di mantenimento e l’assegno divorzile. E’ dunque attraverso tale strumento che l’interesse economico del figlio non autonomo si realizza.

Invero il pieno interesse di questi, non si esurisce tuttavia nel raggiungimento di un benessere economico che gli assicuri di vivere secondo i parmetri già raggiunti durante il matrimonio, ma va oltre.

Il figlio, sia esso minorenne o maggiorenne ancora dipendente,  va considerato nella giusta prospettiva: prima che figlio, questi è da valutare quale ‘persona’ se pur  ancora dipendente dall’imprescindibile legame di natura economica con entrambi i genitori.

Il figlio minorenne come quello maggiorenne non autosufficiente è portatore di interessi non solo economici, ma di natura personale quali il libero sviluppo della  personalità e delle proprie specifiche esigenze.

Tale diritto allo sviluppo della personità psico-fisica, secondo le proprie capacità, aspirazioni ed esigenze,  trova uno specifico supporto normativo che nella novella del 2013 ha trovato un importante rafforzamento nell’art. 315 bis, c.c..; tali parametri rappresentano il fondamento normativo della tutela del benessere del figlio, che è una delle finalità al cui perseguimento è intesa non solo la fase fisiologica del rapporto coniugale, ma anche quella patologica, in cui si devono regolamentare in modo nuovo i rapporti della famiglia, tutelando il primario interesse dei figli.

Il figlio, assurge a ‘persona’ con propria dignità anche quando la stessa norma sancisce il diritto ad essere ascoltato in tutte le questioni e le procedure che lo riguardano.

Può, dunque, affermarsi che la tutela apprestata dalle norme indicate ai bisogni del figlio, se interpretate dalla giurisprudenza in modo coerente al principio di solidarietà e agli altri valori sanciti dal nostro ordinamento costituzionale[64], risulta difficilmente eludibile da parte del genitore obbligato, se non attraverso la prova del raggiungimento dell’autosufficienza economica.

E se tutto ciò risponde certamente all’esigenza di dare attuazione a quella solidarietà familiare che agisce a tutti i livelli coinvolgendo anche gli ascendenti, ex art. 316 bis, c.c., occorre tuttavia evitare che, come è stato efficacemente rilevato[65], possa risolversi in un prolungamento dello status di ‘figlio viziato’.

Potrebbe ragionevolmente auspicarsi, in tal caso, che ciascuno dei genitori facendo efficacemente uso dell’istituto della responsabilità genitoriale la eserciti con schietta sincerità ed autocritica rispetto ad un regime educativo probabilmente non corretto,  fornendo la prova,  non già della raggiunta autosufficienza economica del ‘figlio viziato’, bensì della colpevolezza ed incapacità dello stesso a provvedere autonomamente al proprio mantenimento,  senza ulteriormente gravare sui genitori.

Si tratta di una scelta difficile, per i rischi legati tanto ad un esasperato spirito genitoriale di solidarietà, che può determinare nel lungo periodo consegenze dannose per il figlio,  quanto all’assunzione di posizioni inflessibili rispetto alla colpevole inerzia del medesimo.

L’opera giurisprudenziale sarà importantissima nel riequilibrare le posizioni, secondo le specificità dei sigoli casi.

 

* Il presente lavoro è stato oggetto di un intervento al Convegno su “ Nuove sfide del diritto di famiglia”, organizzato   il 7e 8 aprile 2017, dall’Università del Salento, Dipartimento di Scienze giuridiche, presso la Corte d’Appello di Lecce.

[1] G. Ferrando, La nuova legge sulla  filiazione. Profili sostanziali, in Corr.giur. , 2013, p. 525 ss..; C.M. Bianca, ( a cura di), La riforma della filiazione, Padova, 2015.

[2] Sulla nuova nozione di responsabilità genitoriale cfr. Al  Mureden- Sesta, Commento all’art. 315 bil, in Codice della famiglia, a cura di Sesta, Milano, 2015, p. 1159 ss.; Al Mureden, La responsabilità genitoriale tra condizione unica del  del figlio e pluralità di modelli familiari, in Fam. Dir., 2014, p. 466; Figone, La riforma della responsabilità genitoriale, Torino, 2014.

[3] In contrasto aperto per esempio si colloca la posizione del  Tribunale di Lecce, in materia di legittimazione alternativa del figlio non economicamente indipendente rispetto al genitore collocatario (in tema di modifica delle condizioni della Separazione ex art. 739 c.p.c.) , rispetto  a quella della  Corte d’Appello di Lecce, sez. promiscua, cfr. sul punto:  Trib. Lecce,  decreto del 3 febbraio 2015  (in R.V.G. 2551/2014) ; Corte d’Appello di Lecce, sez. prom., decr. n. 3174 , del 19 novembre 2015  (in R.G. 139/2015).

[4] Cfr. G. Chiappetta, La posizione del figlio nato nel matrimonio, in C.M. Bianca, p. 328 ess.; ivi, Id., La posizione del figlio nato fuori del matrimonioo, p. 495 ss.

[5] Il nuovo sistema si sovrappone al precedente, quello  rivisto  con la riforma del 1975 che conservava, nei rapporti genitore/figli, in tema di paternità e nelle azioni di stato, un regime non condivisibile, perché talvolta carente  per assenza di equità, ma comunque coerente nel suo impianto.

Il merito della più recente riforma del 2013 sta nell’aver riordinato  dei tasselli, allorquando ha  rivisto delle situazioni di vulnerabilità prima sperequate, tra figli legittimi e non; ed avendo tutelato maggiormente, nelle azioni di stato e nelle adozioni, il figlio con apertura verso la ricerca delle proprie origini, come indicato dalla Corte EDU; .cionondimeno il sistema resta ancora “scollato” poiché non permette di enucleare un principio ispiratore univoco, e permangono in esso delle carenze.Il cardine intorno al quale  ruota la figura del figlio, è uno status unico,  che  rappresenta lo zoccolo duro dell’intero assetto normativo del settore trovando la propria semplice declinazione,  nella minore o maggiore età, ovvero nella diversa fattispecie del  figlio nato “ nel” o “fuori” del matrimonio.  L’ordinamento, nel mentre tutela situazioni da sempre critiche,  come quelle dei figli minori o maggiorenni   non autosufficienti,  nel  contempo contiene ancora  residui di  situazioni  di “vulnerabilità”, mai prese in esame; mentre la Corte di Strasburgo, in più occasioni, ha sancito la necessità di fornire una tutela più intensa alla persona “vulnerabile” nei rapporti familiari,  come quelle del genitore verso i figli.Verosimilmente, nella riforma,   vengono trascurate delle angolazioni da cui affiorano inique  discriminazioni tra le due posizioni:  è il caso della prevista imprescrittibilità  dell’azione di disconoscimento, sancita soltanto per il figlio nell’art.  244 c.c., come novellato, e non anche per la madre ed il di lei marito; si parla di “tutela privilegiata” del figlio senza alcun riferimento all’elemnto dell’età dello stesso, o alla sua condizione  psico-sociale nella famiglia.

[6] Cfr. quanto espresso infra, § n. 4,  sul  requisito della “coabitazione “ con il genitore collocatario, del figlio maggiorenne non autosufficiente.

[7] In tal senso P.Perlingieri, Il diritto civile nella legalità costituzionale, 2006,1, p. 159 ss.

[8] Ci si vuol riferire all’intervento della Consulta in tal senso che con i noti provvedimenti – C.Cost. nn. 348 e 349 del 2007 in www.Altalex.it del l 29/10/2007 – ha sancito, con riferimento alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo, che laddove sia ravvisabile un possibile contrasto tra la norma statale e la disposizione internazionale, il giudice ha il dovere di verificare se tale contrasto non sia in realtà risolvibile in via interpretativa; è infatti obbligo del giudice interpretare la normativa statale in linea con il diritto internazionale, cercando di effettuare la “c.d. interpretazione conforme al diritto internazionale”; cosichè il giudice nazionale, specie dopo  l’introduzione dell’art. 6 del Trattato di Lisbona,  non ha soltanto il dovere    di interpretare il diritto interno in modo conforme a quello internazionale, ma deve confermare la propria attivita esegetica tenendo conto della norma convenzionale, così come interpretata dalla Corte di Strasburgo. Cfr sul punto, L. Ruggeri, Giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo e influenza sul diritto interno, Napoli, 2009.

[9] In tal senso M. Sesta, o.u.c., p. 1016 e ss.

[10] Cfr.. A.G. Cianci, La nozione della responsabilità genitoriale (art. 316 -317), in La riforma della filiazione , Milano, 2015, p. 579ss.;  F.R.. Fantetti, Responsabilità genitoriale e riforma della filiazione. Commento al d.lgs. 154/2013, Rimini, 2014.

[11] Cass.,  4 giugno 2012 n. n. 8927,  in Fam. pers.succ., 2012,7,p. 57.

[12] Cass., 12 settembre 2014, n. 19319 per il cui commento cfr. L. Moramarco, Ineludibilità del contributo del genitore separato o divorziato per le spese straordinarie, in Fam. e dir., 2015, n. 4, p. 342 ss.; D. Achille, Il mantenimento del figlio maggiorenne  tra diritto positivo e prospettive d’intervento legislativo, in Fam.pers.success., 2011, p.665, per il quale la nozione di spesa straordinaria va collegato alla periodicità con cui viene versato l’assegno di mantenimento.

[13] Cfr. per un altro commento in materia di spese straordinarie L.C. Natali e S. Piselli, La Suprema Corte interviene  sulle “spese straordinarie” per i figli, il padre facoltoso deve pagare di più, in Fam. dir., 2014,, p. 114, in nota a Cass. 18 settembre 2013, n. 21273.

[14] Cfr. M. Santini, Spese ordinarie e spese straordinarie per i figli:  i protocolli d’intesa, in www.altalex.it.; A. Arceri, Onere di mantenimento della prole e tempi di permanenza presso ciascun genitore, nell’affidamento alternato e nell’affidamento condiviso, in Fam. dir., 2008, p. 393 ss.

[15] Cfr. Ordine degli Avvocati di Lecce, Protocollo d’intesa in materie di Spese straordinarie, in www. Ordineavvocatilecce.it. siglato il 2 dicembre 2016; in tale documento si è adottata la seguente ripartizione di base tra tutte le spese straordinarie: 1) spese oggettivamente imprevedibili; 2) spese prevedibili, ma non determinabili nel quantum e d’importo rilevante; 3) spese funzionali al soddisfacimento di esigenze episodiche e saltuarie o, comunque, non differibili.  A tale tripartizione,  segue elenco per ogni categoria.

[16] Cass. 3 febbraio 2016, n. 2127 , ord., in Fam. e dir. 2016, 3, p. 581; Cass. 23 febbraio 2017, n. 4753, ord., in Fam. e dir. 2017, p.586

[17] Cass. 4 aprile 2005, n. 6975, in Guida dir.2005, n. 20, p. 48; . Cass. 9 maggio 2013, n. 11020, in www.Altalex.it, 11 giugno 2013, con nota di E. Cinini.

[18] C. Magli, Sulla persistenza  del diritto al mantenimento del figlio maggiorenne , o.u.c., p. 242 ss.

[19] Cfr. C.M. Bianca, Dell’inadempimento delle obbligazioni ( Artt. 1218-1229 c.c.),  in Comm. Scialoja e Branca, Bologna-Roma,1979, p. 175; G. Oberto, La responsabilità contrattuale nei rapporti familiari, Milano, 2006, p. 75 ss.

[20] Cass. 28 agosto 2008, n. 21773, in Fam. minori, 2008, n.9, p. 55.

[21] TAR Bari, I, 6 febbraio 2006, n. 352, in Fam. minori, 2007, 4, che ha affermato con riferimento all’eventuale mantenimento del figlio maggiorenne non autosufficiente, che “… al diritto all’ostensione può contrapporsi il diritto alla privacy del figlio maggiorenne, in riferimento alla situazione reddituale, ma nel bilanciamento delle confliggenti posizioni, pare che vada data prevalenza alla posizione del  genitore che utilizzando detta prova, può ottenere che venga effettivamente dichiarato l’esonero dall’incombente obbligo di mantenimento strettamente correlato alla procreazione”.

[22] P. Di Stefano, L’obbligo di mantenimento del figlio maggiorenne tra esigenze di tutela e pericolo di “parassitismo”sine die, in Fam.pers. succ., 2009, p.70 ss., ove l’A. ricorre al paragone con la probatio diabolica, per espimere la difficoltà del genitore nel provare l’avvenuto raggiungimento dell’autonomia economica del figlio maggiorenne.

[23] Cass. S.U. , 8 febbraio 2011,n. 3034, in www. Massimario.it, 7 febbraio 2011, con nota di M. Rinaldi.

[24] Cass. 25 gennaio  2013, n.  1779, in www.personaedanno.it..

[25] Cfr. Cass. 3 settembre 2013, n. 20137, in www. il caso.it., 9 ottobre 2013.

[26] Cfr. P.Di Stefano, L’obbligo di mantenimento del figlio maggiorenne tra esigenze di tutela e pericolo di “parassitismo”sine die , op.cit., p. 70 ss.

[27] M.Sesta, Famiglia e figli a quarant’anni dalla riforma, o.c., p. 1016 ss.

[28] M.Sesta, o.u.c., p. 1016.

[29] Cfr.  E. Al Mureden- Sesta, Commento all’art. 315 bis,c.c. in Codice della famiglia, Milano, 2015, p.1154.

[30]  Per l’attuale durata dell’obbligo di mantenimento da parte dei genitori cfr. Relazione illustrativa alla Riforma sub nt. n.19 ; in precedenza  A.De Cupis, Brevi osservazioni sulla durata dell’obbligo di mantenimento del figlio , in Riv. dir.civ., 1967,II,69.

[31]  Cass.6 dicembre  2013,  n. 27377, in www.il  Sole 24ore.com.del 16.12.2013

[32]  Cass.3 gennaio 2011, n. 18, in www.altalex.com del 25.01.2011.

[33] In senso negativo rispetto al lavoro stagionale quale esimente dall’obbligo di mantenimento per il genitore onerato , è Cass. I, 25 gennaio 2013, n. 1779, cit..

[34] Cfr. Cass.28 agosto 2008, n.  21773, in  Fam dir. 2008,9, p.55, con nota di E. De Tullo; Cass. 27 giugno 2011, n. 14123 //www.personaedanno.it, 2011, con nota di R. Rossi; Cass. 8 febbraio 2012, n. 1773, in ilmiodiritto.blogspot.it del 20 febbraio 2012; Cass. 1° febbraio 2016, n. 1858, in www.personaedanno.it del 3 giugno 2016, con nota di A. Falcone.

[35] Cass. , I, 22   maggio 2014, n. 11414, in www.altalex.com, del 4.08.2014, oppure in  www.Massimario.it, con nota di G. Vassalli.

[36]  P. Di Sefano, L’obbligo di mantenimento del figlio maggiorenne tra esigenze di tutela e pericolo di “parassitismo”sine die, o.c., p. 70 ss.

[37] Cass. ,VI, 17 gennaio 2012, n. 610in www.altalex.it del 2.01.2012; cfr. App. Napoli 18 marzo 2011, in Fam. dir. , 2011.

[38] Cass. 10 maggio 2017, n. 11504, in www.ilsole24ore.com.

[39] Cass. , I, 22 novembre 2010, n. 23590, in www.altalex..it del 10.12.2010; Corte d’Appello Catania, decr. 26 novembre 2014; in senso assolutamente contrario cfr. Cass. 11 settembre 2014 n. 19182 (ordinanza), in www.diritto.it,  ove si afferma che il licenziamento del figlio maggiorenne incolpevole, è sufficiente per conservare il diritto al mantenimento.

[40] In tal senso Cass. , I, 26 gennaio 2011, n. 1830, cit..

[41] Cass., 10 maggio 2017, sez. I,  n.11504, cit. .

[42] Cfr. Cass. 16 febbraio 2001, n. 2289, p. 1122, in www.altalex.comcon nota di R. Gelli, Il diritto al mantenimento del figlio maggiorenne e i suoi limiti: lo studente ultratrentenne “fuori corso” che ha confermato la spettanza dell’assegno di mantenimento a favore della figlia ancora studentessa a trentaquattro anni.

[43] Cass.23 ottobre 2007, n. 22255, in www.ricerca giuridica.com .

[44]  Cfr. Trib. di Gela, ord. 14 marzo 2016, in Fam. e dir. 2016, 8-9, p. 810 ss.

[45] In precedenza rispetto all’attuale riforma del 2013, l’art. 147 c.c. dettava i doveri dei genitori  e l’art. 315 c.c.,  dettava i doveri del figlio.

[46] Cfr. M. Sesta, Famiglia e figli a quarant’anni dalla riforma, o.c., che chiarisce la connessione della cura del figlio dettata dalla nuova normativa , con l’art. 30 Cost. it., sub nt. 25, p. 1014ss.

[47] Per tutte cfr. Cass., 10 gennaio 2014, n. 359, in www.personaedanno.it del 3 giugno 2016, che conferma orientamenti precedenti in Cass., 12 ottobre 2007, n. 21437, Cass., 16 giugno 2011,  n. 13184.

[48] Cfr. sul tema A. Graziosi, sub nt. n. 29,  in   L. Moramarco, o.u.c., p. 342

[49] In tal senso Cass., 10 gennaio 2014, n. 359, cit. .

[50] Cass. I, 25 luglio 2013, n. 18075, in altalex.com del 10.12.2013, ove viene introdotta la nozione di “collegamento stabile” tra il genitore affidatario ed il figlio maggiorenne non autonomo economicamente ; orientamento confermato da Cass., I, 8 settembre  2014, n. 18869 “…il coniuge separato o divorziato, già affidatario del figlio minorenne, è legittimato iure proprio,anche dopo il compimento da parte del figlio della maggiore età, ove sia con lui convivente  e non economicamente autosufficiente, ad ottenere  dall’altro coniuge un contributo al mantenimento del figlio. Ne discende che ciascuna legittimazione è concorrente  con l’altra, senza,tuttavia, che possa ravvisarsi un’ipotesi di solidarietà attiva, ai cui principi è possibile ricorrere solo in via analogica, trattandosi di diritti autonomi e non del medesimo diritto attribuito a più persone” .

[51] Cass., 19 marzo 2012, n. 4926, in Fam.  dir. , 2013, con nota di  Carnevale, Sul diritto dell’intervento del figlio maggiorenne economicamente non indipendente  nei giudizi di searazione.

[52] Corte App. Lecce, sez. prom. ,decr. n.3174, del 19 novembre 2015,  ove può leggersi  con riferimento alla legittimazione del figlio maggiorenne non economicamente autosufficiente che abiti fuori per motivi di studio, «ciò che rileva, secondo il colleggio, non è stabilire con rigidi criteri matematici se egli trascorre più della metà  di una determininata unità di tempo ( anno, semestre, mese secondo la sentenza della Corte di Cassazione n. 4555 del 2012) con il genitore….E’ invece assorbente la considerazione che il figlio maggiorenne non autosufficiente fa sempre capo al genitore con cui coabita per reperire le risorse economiche necessarie per soddisfare le sue esigenze cui non può provvedere autonomamente. Non si vede quindi come si possa negare la legittimazione concorrente della odierna reclamante e chiedere in presenza di circostanze nuove,  la revisione del contributo per il mantenimento, a carico dell’altro genitore». Va segnalato che tale orientamento è stato confermato in Cassazione,  ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c.: Cass., 18 marzo 2017, Ric. 1634/2016.

[53] Cass., 7 giugno 2017, n. 14241, in Fam. e dir., 8/9, 2017, p. 805.

[54] Per approfondimenti sul tema, cfr., infra, R.G. BIANCO, La tutela  del genitore sociale nella famiglia ricostituita, in Atti Convegno  su “ Nuove sfide del diritto di famiglia”, organizzato  a Lecce il 7e 8 aprile 2017, dall’Università del Salento, cit., i cui atti sono in corso di pubblicazione.

[55] Cfr.  sul tema, S. U. De Simone,  La negoziazione assistita nelle cause di separazione e divorzio e la ( mancata) tutela dei figli maggiorenni non autosufficienti, in Fam.dir., 2016,n.5,p.67

[56] In tal senso L. Moramarco, Ineludibilità del contributo del genitore separato o divorziato per le spese straordinarie, o.u.c.,  p. 342 ss.

[57] Legge 10 novembre 2014,n. 162 cfr.  F. Danovi, Il d.l. n. 132/2014: le novità in tema di separazione e divorzio, in Fam, e dir., 2014, p. 949 ss.

[58] Trib. Torino,  20 aprile 2015, in Fam. dir., 2015, n. 10, p. 895, con nota di  F. Tommaseo, Negoziazione assistita per modificare le condizioni del divorzio e tutela del figlio maggiorenne – ancora non autonomo.

[59] Trib. Torino, 20. Aprile  2015, cit.

[60] A. Graziosi, Osservazioni perplesse sulle ultime (?) stravaganti riforme processuali in materia di famiglia, ESI, 2015, 12, p. 1111 ss.

[61] M. Sesta, L’unicità dello stato di filiazione e i nuovi assetti delle relazioni familiari, in Fam. e dir., 2013, , p. 237 ss..

[62] A. Arceri, Disposizioni in favore dei figli maggiorenni , in Codice della famiglia, a cura di M. Sesta, Milano, 2015, p. 1337 ss.

[63]  E. Al Mureden, La solidarietà post-coniugale, o.c., p. 995 ss.

[64] V. Carbone, Crisi della famiglia  e principio di solidarietà, in Fam.  dir. 2012, n. 12, p. 1165; ivi,  E. Al Mureden, La solidarietà post-coniugale, p. 991 ss.

[65] L. Moramarco, o.u.c., p. 342 , ivi cfr. nt. n.. 40, ove l’A. riferisce la efficace  motivazione dei due provvedimenti di giudici di merito con riferimento al mantenimento del figlio maggiorenne.

Scarica l’articolo in pdf