Condanna al risarcimento dei danni per responsabilità aggravata: i presupposti e la determinazione del quantum

Ai fini della condanna al risarcimento dei danni per responsabilità aggravata, ai sensi dell’art. 96 c.1 c.p.c. non sono necessarie la deduzione e la dimostrazione dello specifico pregiudizio subito dalla parte vittoriosa, pregiudizio la cui esistenza può essere desunta dalla comune esperienza e che può essere liquidato dal giudice in via equitativa.

Di Arianna Di Bernardo -

Corte dei Conti 27 agosto 2018, n. 497

Con la sentenza segnalata, la Corte dei Conti affronta la questione dei presupposti (con particolare riguardo all’effettivo accertamento di un pregiudizio e agli oneri di allegazione e prova dello stesso) e dei criteri di determinazione della condanna al risarcimento dei danni da lite temeraria contemplata dall’art. 96 c.p.c.

Giova ricordare che la l. n. 69/2009 ha aggiunto alla disposizione richiamata un terzo comma, che prevede la possibilità di condannare la parte soccombente tenuta alle spese al pagamento a favore della controparte “di una somma equitativamente determinata”, ossia di fatto sganciata da ogni presupposto e da ogni criterio di determinazione.

Si tratta di una forma particolare di responsabilità aggravata, che va ad aggiungersi alle tipologie tradizionali di cui ai primi due commi dell’art. 96 –che sanzionano, rispettivamente, il fatto di aver agito o resistito in giudizio con mala fede o colpa grave (e quindi abusando del processo), ovvero quello di non aver usato la comune prudenza nel porre in essere determinate condotte caratterizzate da un’elevata potenzialità lesiva- e la cui introduzione consente di superare le difficoltà che si presentano in queste ultime ipotesi nello stabilire la sussistenza certa della malafede o nel definire la gravità della colpa, ovvero nel determinare puntualmente l’ammontare del danno effettivamente subito.

La misura ex art. 96 c.3 si inserisce pertanto in una logica legislativa intesa ad aumentare considerevolmente il costo della resistenza, al fine di preservare l’efficienza del processo e la sua ragionevole durata.

Nel caso oggetto della pronuncia in commento il giudizio instaurato nel 1995 avverso un provvedimento in materia pensionistica (successivamente caducato, all’esito di un parallelo processo, con sentenza passata in giudicato) si era concluso in primo grado con la dichiarazione di cessazione della materia del contendere e con la condanna dell’amministrazione resistente al pagamento delle spese legali nonché al risarcimento del danno, determinato forfettariamente, ai sensi dell’art. 96 c.3: per la Corte dei Conti, chiamata a pronunciarsi sull’appello proposto dall’amministrazione, la liquidazione equitativa effettuata dal giudice di prime cure in virtù del richiamo al comma 3 dell’art. 96 non inficia la correttezza della decisione assunta; e ciò nonostante che il comma stesso sia inapplicabile al caso di specie ratione temporis.

Infatti, se è vero che le disposizioni della l. 69/2009 –ivi inclusa quella di cui all’art. 45, che ha novellato l’art. 96 c.p.c.- si applicano, ai sensi del successivo art. 58, ai soli giudizi instaurati dopo l’entrata in vigore della legge stessa, è vero anche che il previgente art. 96 c.1 è stato interpretato da una parte della giurisprudenza di legittimità nel senso che la parte interessata a ottenere la condanna al risarcimento dei danni per responsabilità aggravata possa limitarsi ad allegare condotte processuali dilatorie o defatigatorie della controparte, non essendo invece necessario dedurre, e tanto meno dimostrare, che tali comportamenti abbiano cagionato uno specifico danno per il ritardo nella decisione della causa.

In base a questa opzione interpretativa, invero, tale danno può essere desunto dal giudice da nozioni di comune esperienza, anche in ragione del fatto che dal principio, ora costituzionalizzato, di ragionevole durata del processo e dalla disciplina contenuta nella l. 89/2001 (c.d. legge Pinto) si ricava che le condotte processuali ingiustificate causino di per sé, oltre ai danni patrimoniali per essere stati costretti a contrastare un’ingiustificata iniziativa dell’avversario, anche danni di natura psicologica che, non essendo agevolmente quantificabili, vanno liquidati in via equitativa sulla base degli elementi in concreto desumibili dagli atti di causa.

Specie in quest’ultimo caso, dunque, è la stessa natura del pregiudizio a giustificare una determinazione forfettaria del risarcimento del danno da lite temeraria; con la conseguenza che la determinazione del quantum attraverso la liquidazione equitativa appare legittima anche per le controversie, come quella di specie, incardinate prima dell’introduzione del comma 3 dell’art. 96.

Resta ferma, peraltro, la peculiarità della fattispecie prevista da quest’ultima norma, la quale prescinde dalla stessa esistenza di danni risarcibili configurandosi come una condanna afflittiva che si discosta dalla struttura tipica dell’illecito civile propria dei primi due commi e richiama piuttosto la figura dei c.d. “danni punitivi”.

Per il giudice d’appello, infine, la decisione impugnata è condivisibile anche nella parte in cui ha addossato all’amministrazione le spese di difesa, atteso che la cessazione della materia del contendere aveva dato luogo a un giudizio di soccombenza virtuale dell’amministrazione e che la soccombenza virtuale era stata congruamente motivata sulla base di una valutazione di fondatezza della pretesa dei ricorrenti alla luce del complessivo sviluppo della lite e del suo esito finale.

Né d’altronde il principio giurisprudenziale della gratuità del processo pensionistico contabile, che si fonda sulla complessità e sul tecnicismo che caratterizzano le problematiche pensionistiche, può essere inteso nel senso che il giudice dovesse necessariamente compensare le spese ovvero che la mancata compensazione integri una violazione della relativa disciplina: e invero l’art. 92 c.2 c.p.c., nel testo applicabile ratione temporis, stabiliva che in caso di soccombenza reciproca o di altri giusti motivi il giudice poteva (e non doveva) disporre la compensazione; fermo restando che, ove avesse optato per l’esercizio di tale facoltà, era tenuto a indicare esplicitamente in motivazione i giusti motivi di compensazione.

Scarica il commento in pdf