Cessione del credito in corso di esecuzione e consenso all’estromissione ai sensi dell’art. 111 c. 3 c.p.c.

Di Ilenia Febbi -

1.Le operazioni di cartolarizzazione e cessione dei crediti realizzate dalle Banche per liberarsi dei crediti non facilmente recuperabili e passati, ormai, in sofferenza, che negli ultimi anni si stanno moltiplicando a vista d’occhio, sono state fonte di molte questioni processuali. Tra queste vi è la questione relativa all’applicazione dell’art. 111 c.p.c. nel caso in cui il credito venga ceduto durante la procedura esecutiva già promossa dal precedente titolare (cosa ormai di routine perché strettamente funzionale alla vicenda della cessione).

La giurisprudenza di legittimità riconosce che la disciplina della successione inter vivos si applica anche nel processo di esecuzione ma fa salve eccezioni e particolarità dovute alle prerogative del procedimento in questione (Cass. n. 9211/2001; Cass. n. 4985/2004; Cass. n. 15622/2017; Cass. n. 21395/2018). In particolare, nel delineare i tratti caratteristici dell’art. 111 c.p.c. riguardo alla successione nel diritto di credito per avvenuta cessione dello stesso durante l’esecuzione promossa per il suo soddisfacimento, Cass. n. 21395/2018 ha affermato che, anche se il giudizio può continuare tra le parti originarie ai sensi del primo comma, qualora il cessionario del credito decida di intervenire, ai fini dell’estromissione del cedente, non è necessario il consenso delle altre parti. In deroga a quanto statuito dal comma 3 del medesimo articolo, l’estromissione consegue automaticamente ad un tale intervento.

Pur aderendo al principio dell’applicabilità dell’art. 111 c.p.c., sono però ricorrenti i casi in cui la giurisprudenza di merito si ostina a ritenere indispensabile un atto espresso di adesione da parte dello stesso cedente in applicazione letterale dell’art. 111 co. 3 c.p.c. (per es., v. i provvedimenti del g.e. del Tribunale di Pistoia, 13 novembre 2019 e 19 novembre 2019, che contengono l’invito ad acquisire il consenso delle altre parti sulla estromissione).

2. Ora, l’esclusione della necessità che le altre parti aderiscano alla estromissione è da approvare, perché la cautela del consenso ha un senso solo nel giudizio di cognizione, dove la limitazione dell’estromissione dell’alienante o del successore universale “se le altre parti vi consentono”, è in ragione dell’accertamento a cui è destinato il giudizio. La dottrina suole ripetere che il consenso richiesto in sede di cognizione per l’estromissione, garantendo la conservazione della qualità di parte processuale dell’alienante (o del successore universale), tutela in primis la possibilità che le controparti possano fruire della condanna di questi alle spese. In ogni caso, nel caso della cessione del credito, il consenso del cessionario all’uscita del suo dante causa potrebbe soddisfare l’esigenza del primo di esser garantito dal secondo, ovvero di non esser lasciato solo di fronte ad eccezioni personali del ceduto. La necessità del consenso trova appunto le sue ragioni nella natura di accertamento del risultato del processo e nel possibile interesse ad agire (o a contraddire) che, malgrado la successione, potrebbe ancora residuare in capo a taluna delle parti. Ad imporre cautela inoltre è, ancora, l’interesse del debitore a veder accertato con sicurezza a quale soggetto deve effettivamente pagare, e quindi ad ottenere una pronuncia di merito nei confronti dei potenziali creditori.

3.La cautela imposta dall’art. 111 c. 3 c.p.c. all’estromissione non è invece funzionale al processo di esecuzione che ha il solo compito di soddisfare il diritto di credito del procedente e non quella di accertare alcunché. In tale contesto la cessione del credito significa infatti anche successione nell’azione esecutiva e va escluso pertanto che residui un interesse del cedente. Tantomeno vi potrebbe essere un interesse del debitore ceduto: anche da parte di questo non vi è alcun interesse ad opporsi all’estromissione del cedente, avendo lo stesso l’unico interesse a che l’esecuzione abbia effetti solutori per il proprio debito e che, quindi, il relativo sacrificio patrimoniale sofferto non si riveli inutile. Al contrario (e proprio sulla scorta di tale interesse) qualora, avutasi la cessione, l’esecuzione continui tra le parti originarie, quest’ultimo potrebbe, opponendosi ex art. 615 c.p.c., chiedere l’accertamento che il proprio debito intercorre con l’attuale titolare del credito (Cass. n. 9211/2001).

Anche perché, a ben guardare, l’art. 111 c. 3 richiede il consenso (non del dante causa che vuole uscire ma) delle altre parti, cioè, del successore di questi.[1] Situazione evidentemente inversa rispetto a quel che sembra postulare il provvedimento che – di fronte all’intervento del cessionario presentatosi quale successore nell’azione esecutiva – ordina acquisirsi il consenso del cedente per poter provvedere sulla sua estromissione. Ma qui il cedente si è già di fatto “auto-estromesso” perché la sua è (anche) cessione dell’azione esecutiva sicché non sussistono più i presupposti per la sua presenza nel procedimento.

4.Sul piano pratico i risvolti negativi della prassi di imporre l’adesione del cedente non sono pochi, considerata la obiettiva difficoltà delle Banche cedenti di provvedere per pratiche che (nella pratica del factoring) sono state dismesse in blocco. Inoltre, qualora il giudice non dichiari l’estromissione del cedente perché il cessionario non ha acquisito il consenso delle parti, al dante causa finisce per essere impropriamente riconosciuto un ruolo rilevante all’interno di un giudizio esecutivo per il quale esso non ha (e non potrebbe avere) alcun interesse. Infatti, una volta avutasi l’intervento del successore in luogo del cedente, quest’ultimo va considerato a tutti gli effetti un terzo. Se così non fosse, esso dovrebbe essere comunque considerato nella formazione del progetto di distribuzione da parte del g.e., quale parte del giudizio, e potrebbe altresì proporre contestazioni ex art. 512 c.p.c. Parimenti, nel caso in cui venga raggiunto un accordo tra il debitore e il cessionario e quest’ultimo decida di rinunciare all’esecuzione, si dovrebbe concludere per la necessità della adesione alla rinuncia anche da parte del cedente, sebbene questi non abbia più alcun diritto di credito nei confronti dell’esecutato, per effetto della sua mancata estromissione.

Sarebbe allora opportuno che la giurisprudenza di merito si conformasse alla linea sancita dalla Corte di cassazione, applicando al processo esecutivo l’art. 111 c.p.c. cum grano salis al fine di non incorrere in paradossi processuali e causare pregiudizi (o almeno inconvenienti) al cessionario del credito e, in ultima analisi, alla efficienza del procedimento esecutivo.

[1] Nonché, ovviamente, dell’attore nelle tipiche ipotesi (diverse dalla cessione di credito) dell’alienazione del diritto controverso da parte del convenuto.

Scarica l’articolo in pdf