Alle Sez.Un. il termine per una tempestiva riproposizione ex art. 346 c.p.c.

Di Alessandro Aniello - Fascicolo 1/2018

Lo scritto, in commento all’Ord. n. 29499/2017 della Suprema Corte, si propone di trattare la specifica problematica relativa al termine ultimo per adoperare il meccanismo della riproposizione ex art. 346 c.p.c. In particolare, dopo aver richiamato i profili generali dell’istituto in esame ed aver vagliato, anche criticamente, le argomentazioni addotte dalla Suprema Corte, l’A. giunge ad una conclusione mediana, che, avallata anche da ampia dottrina, pare compendiare il profilo letterale della norma procedurale con i principi costituzionali e sovranazionali.

Analysing Ord. n. 29499/2017 of the Italian Supreme Court, present paper focuses on the specific set of problems as regards the deadline to use the mechanism provided by the article 346 of the Italian civil procedure law. Particularly, after giving a legal framework of the institution and a critical evaluation of the reasonings adduced from the Court, the A. comes to a median conclusion that, according to literature, is able to respect both the constitutional and international fundamentals.