Adempimento contrattuale e arricchimento senza causa: le Sezioni Unite tornano sul confine tra emendatioe mutatio libelli

È ammissibile la domanda di arricchimento senza causa ex art. 2041 c.c. proposta in via subordinata con la prima memoria ex art. 183, comma 6, c.p.c. nel corso del processo introdotto con domanda di adempimento contrattuale, qualora si riferisca alla medesima vicenda sostanziale dedotta in giudizio, trattandosi di domanda connessa per incompatibilità a quella inizialmente formulata

Di Marta Magliulo -

Cass. 13 settembre 2018, n. 22404

Con la sentenza n. 22404/2018, le Sezioni Unite intervengono nuovamente sul delicato tema del confine tra emendatioe mutatio libelli, accogliendo l’innovativo indirizzo inaugurato sul punto da Cass. Sez. Un., n. 12310/2015.

Nei fatti un professionista conveniva in giudizio un Comune al fine di ottenere il pagamento di quanto dovuto a titolo di corrispettivo per un incarico di progettazione.

Il Comune si costituiva eccependo la nullità delle deliberazioni di affidamento dell’incarico per insussistenza dei requisiti richiesti dal r.d. n. 383/1934; a fronte dell’eccezione sollevata dal convenuto, il professionista, con memoria exart. 183, comma 6, n. 1 c.p.c., proponeva in via subordinata domanda di indennizzo per arricchimento senza causa exart. 2041 c.c.

Dichiarato l’inadempimento del Comune, il Tribunale accoglieva la domanda principale, condannando l’ente al pagamento di quanto richiesto dall’attore.

Il giudice di secondo grado riformava la decisione, dichiarando la nullità delle delibere di conferimento dell’incarico e la conseguente nullità del contratto stipulato; quanto alla domanda exart. 2041 c.c., ritenendola domanda nuova, non proponibile per la prima volta con la memoria di cui all’art. 183, comma 6, n. 1 c.p.c., la Corte concludeva per l’inammissibilità.

Investita del caso, la Seconda Sezione della Suprema Corte trasmetteva gli atti al Primo Presidente per l’assegnazione alle Sezioni Unite della questione relativa all’ammissibilità nel giudizio promosso nei confronti della P.A. per l’adempimento di un’obbligazione contrattuale della domanda di ingiustificato arricchimento con la prima memoria exart. 183, comma 6, c.p.c.

Il tema, in estrema sintesi, impone di chiarire se la domanda exart. 2041 c.c. rispetto a quella inizialmente proposta di adempimento contrattuale costituisca emendatioovvero mutatio libelli: qualora infatti si qualifichi la domanda exart. 2041 c.c. in termini di domanda nuova rispetto a quella originaria, dovrebbero operare i limiti di cui all’art. 183, comma 5, c.p.c. in base al quale l’attore può proporre “le domande e le eccezioni che sono conseguenza della domanda riconvenzionale o delle eccezioni proposte dal convenuto” nella prima udienza di trattazione, poiché questa rappresenta il primo atto difensivo utile, temporalmente successivo a quello che ne determina la proponibilità; diversamente, ravvisando nel passaggio dall’una all’altra domanda una mera emendatio libelliil termine ultimo per la modificazione ben potrebbe coincidere con quello di cui alle memorie (“limitate alle sole precisazioni o modificazioni delle domande”) exart. 183, comma 6, n. 1 c.p.c.

Al riguardo, la sentenza segnalata richiama i principi enunciati da Cass. Sez. un., n. 26128 del 2010 e da Cass. Sez. un., n. 12310 del 2015: se la prima pronuncia concludeva nel senso di qualificare il passaggio in termini di mutatio libellisulla base del criterio di diversità di petitum(pagamento del corrispettivo o indennizzo) e causa petendi (rilevando esclusivamente nella domanda exart. 2041 c.c. gli elementi dell’impoverimento e dell’altrui locupletazione), con conseguente applicazione delle preclusioni previste dal codice di rito per le domande nuove, la pronuncia del 2015, operando un rivoluzionario ampliamento dei margini di ammissibilità dell’emendatio libelli, ha chiarito come la modificazione ammessa exart. 183 c.p.c. possa riguardare anche uno o entrambi gli elementi oggettivi, purché la domanda modificata risulti connessa per alternatività o per incompatibilità alla vicenda sostanziale dedotta.

A tali argomentazioni ha aderito la sentenza in esame, secondo la quale l’orientamento del 2015 ha il pregio di superare il rigido criterio della diversità di petitume causa petenditra la domanda inizialmente proposta e la domanda successivamente formulata, per imporre all’interprete una valutazione maggiormente in linea con i principi di economia processuale e ragionevole durata del processo.

Ritenendo dunque le domande di adempimento contrattuale e di indebito arricchimento relative alla medesima vicenda sostanziale e tra loro connesse per incompatibilità, stante peraltro il carattere sussidiario dell’azione di arricchimento, la Corte conclude per la qualificazione del passaggio dall’una all’altra in termini di emendatio libellie per la conseguente proponibilità della domanda ex art. 2041 c.c. con la prima memoria di cui all’art. 183, comma 6, c.p.c.

Scarica il commento in pdf